Stai leggendo:

"Serendipity" di Peter Chelsom

27 dicembre 2001 Recensioni 0 Commenti
Serendipity

Buena Vista, 21 Dicembre 2001 – Convincente

Jonathan e Sara si incontrano per caso pochi giorni prima di Natale. Passano qualche piacevole ora insieme, ma quando lui le chiede il numero di telefono lei lo scrive in un libro che venderà ad una bancarella. Se il Destino vuole che stiano insieme, li farà incontrare nuovamente…


John Cusack e Kate Beckinsale in SerendipityUno dei temi classici della commedia romantica è quello di due persone che si odiano e pian piano imparano ad amarsi. Un altro tema molto frequentato, e un po’ più antico, è quello dei due amanti che il Destino ha separato e sembra non voler far rincontrare. Serendipity gioca con questo secondo archetipo, ribaltandone le premesse e prendendo in giro molte delle convinzioni che tutti noi abbiamo, anche se molti di noi non lo ammettono. Il risultato è un film pieno di situazioni frizzanti e cinematograficamente convincenti, anche se l’inizio con l’inglesina che dimostra tutto il suo fatalismo è talmente esagerato da risultare davvero irritante, ma quando – paradossalmente – i due finalmente si separano, il film decolla.

Jeremy Piven, Eugene Levy e John Cusack in SerendipityI due attori protagonisti sono assolutamente perfetti nonostante il doppiaggio mediocre. John Cusack sembra essere sulla rampa di lancio ormai da anni, ma nonostante sia un un buon attore con una faccia simpatica non riesce proprio a diventare una vera stella del cinema.  Dal canto suo, invece, Kate Beckinsale sembra ormai pronta al decollo, con un personaggio che le si addice certo di più che l’infermiera di Pearl Harbor, ruolo che le è comunque servito per farsi conoscere dagli spettatori (e dai produttori) statunitensi. Finora ha dimostrato molta intelligenza nella scelta dei ruoli, pur finendo per girare anche film brutti, e staremo a vedere se riuscirà ad evitare di farsi tipizzare.

John Cusack e Kate Beckinsale in una scena di SerendipityIl regista Peter Chelsom è riuscito a creare per tutta la durata del film un’atmosfera molto intensa, nonostante il direttore della fotografia si sia impegnato per rovinare alcune scene. In questo ha molta importanza la buona selezione musicale, oltre alle belle musiche originali di Alan Silvestri. Nell’efficacia generale del film, invece, i meriti maggiori spettano sicuramente a Mark Klein, che ha scritto una sceneggiatura divertente e piena di dialoghi ben riusciti, partendo tra l’altro da un soggetto intrigante, che dà da pensare a chi crede nel Destino e ama sognare che la vita ci possa regalare una seconda chance.


La locandina di SerendipityTitolo: Quando l’Amore è Magia – Serendipity (Serendipity)
Regia: Peter Chelsom
Sceneggiatura: Marc Klein
Fotografia: John de Borman
Interpreti: John Cusack, Kate Beckinsale, Jeremy Piven, Molly Shannon, John Corbett, Bridget Moynahan, Eugene Levy, Lucy Gordon, Kate Blumberg, Mike Benitez, Pamela Redfern, Brenda Logan, Colleen Williams, Stephen Bruce
Nazionalità: USA, 2001
Durata: 1h. 30′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.