Stai leggendo:

"Skellig" di Annabel Jankel

16 ottobre 2009 Recensioni 0 Commenti
Pietro Salvatori, 15 Ottobre 2009: Banale
Inedito in Italia

Michael è sballottato tra un indesiderato cambio di casa, l’arrivo di una sorellina e le amicizie da ricostruire nel nuovo quartiere. Un giono, nella baracca per gli attrezzi dietro la nuova casa, Michael scopre un barbone, Skellig, che ama il cibo cinese, la birra scura e gli insetti…


Parte con il piede sbagliato “Alice nella città”, la sezione del Festival di Roma 2009 che propone i film dedicati ad un pubblico Under 18. Forse puntando sul nome di Tim Roth, forse sul fascino di una storia che mescola realtà e finzione, pragmatismo e magia, gli organizzatori e i selezionatori probabilmente speravano in qualcosa di diverso. Così come il pubblico, illuso nelle aspettative in particolar modo dalla presenza di Roth, convintosi – non si sa bene per quali motivi – a dare fiducia a questa piccola produzione britannica a firma di Annabel Jankel, passata alla storia per il non certo esaltante Super Mario Bros..

La Jankel tenta fin dalle prime battute mescolare gli elementi naturali creando un effetto straniante. Uccelli, scarafaggi, vermi, funghi, felci, sterpaglie. Il montaggio mescola tutto, introduce sequenze dal sapore ancestrale nel quale la natura ha il duplice effetto di spaventare e inquietare. Al centro di tutto Skellig, al quale dà voce e corpo un Tim Roth che si sacrifica in una parte che non può che cedere al manierismo, lasciandolo imbrigliato in un corpo immobile per più di metà pellicola, gestito male e mortificato da un trucco che non paga il costo opportunità di una mimica facciale sostanzialmente azzerata.

Sullo sfondo la vicenda normalissima dei genitori e della piccola sorellina, sballottati tra i problemi del trasloco, la salute cagionevole della piccola e gli immancabili problemi di coppia. Un cocktail che annoia presto, anche per una faticosa gestione dei tempi di battuta e per un plot ai limiti dell’elementare. La domanda di fondo della regista, sostanzialmente riassumibile in “ma se gli uomini perdono la fiducia negli angeli, gli angeli perderanno la fiducia negli uomini?” aveva bisogno di ben altra impalcatura scenica per destare un qualsivoglia interesse.


Titolo: Skellig
Regia: Annabel Jankel
Sceneggiatura: Irena Brignull
Fotografia: Steve Lawes
Interpreti: Tim Roth, Kelly Macdonald, Bill Milner, John Simm, Skye Bennett, Jermain Allen, Eros Vlahos, Edna Doré, Alexander Armstrong, Navin Chowdhry, Nickie Rainsford, Tameka Empson, Lisa Zahra, Keiron Self, Queenie Wren Dempsey
Nazionalità: Regno Unito, 2009
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)