Stai leggendo:

Soundtrack: "Viaggio sola" di Gabriele Roberto

29 luglio 2013 Soundtrack 0 Commenti
Massimo Privitera, 28 Giugno 2013: * * * *
In collaborazione con Colonne Sonore

Compositore dalla formazione classica divisa tra Italia e Gran Bretagna, Gabriele Roberto ha trovato successo in Giappone prima ancora che in Patria, dove forse registi e produttori non si trovano a loro agio con la sua musica globale, non legata alla tradizione popolare del Belpaese…


Gabriele Roberto è un talentuoso compositore italiano che ha seguito un percorso di formazione classico tra il nostro Paese e la Gran Bretagna (il Royal College of Music di Londra), trovando fortuna e gloria in Giappone prima che in Italia (ha vinto il Japan Academy Prize 2007 per lo score del film Memories of Matsuko), scrivendo le musiche per cartoni animati e pellicole di vario genere. Nel Bel Paese è ritornato (ancora si divide tra Asia ed Europa per vivere e lavorare) per scrivere le colonne sonore di La vita facile, E’ nata una Star? e Padroni di casa con uno stile musicale tra la scrittura neoclassica europea e il sinfonismo occidentale-hollywoodiano. Il suo approccio allo scoring di un film è molto moderno e diretto, con un uso dell’orchestra accurato e tendente all’utilizzo di ogni singolo strumento nel modo più appropriato e giusto per la pellicola da commentare.

Pur avendo realizzato le musiche per film italici di diverso genere, dalla commedia al comico al drammatico, le sue partiture profumano di musicalità internazionali, sono esportabili perché non legate a stilemi tipici della nostra tradizione popolare, ma come un Morricone, un Piersanti, un Buonvino e pochi altri compositori italiani, è una musica globale, aperta ad ogni interpretazione e utilizzo. Non è da meno la bellissima e intensa OST di Viaggio Sola di Maria Sole Tognazzi con Stefano Accorsi e Margherita Buy (miglior attrice protagonista ai David di Donatello 2013). Roberto scrive una soundtrack tra il classico e il moderno, con suoni al contempo rarefatti e pieni, a sottolineare la completezza e il vuoto esistenziale nel medesimo istante che pervadono Irene (Buy) nei suoi lungi soggiorni e viaggi solitari.
Peccato per la brevità dell’album (durata sui 30 minuti circa), perché ogni brano è un tesoro compositivo da ascoltare e riascoltare più volte: si incomincia con “Hotel de Crillon” per pizzicati d’archi dal sapore neoclassico, quasi vivaldiano, con i fiati a schizzare un temino irriverente e gaudioso che culmina in un pieno orchestrale (l’ottima Czech National Symphony Orchestra diretta da Marek Stilec). Il classicismo più puro, mozartiano, nel successivo “Gstaad Palace” (notevoli le orchestrazioni curate dallo stesso compositore). Con “Notturno romano” si cambia registro, a dimostrazione dell’eclettismo di Roberto, immergendoci in un brano jazzistico dai toni drammaturgici. In “San Casciano” un jazz dalle influenze classiche bachiane per uno scherzo orchestrale davvero eccellente. “Marrakech” espone un iniziale tema sentimentale per piano, intriso di sofferenza, e accenti arabeggianti sul finire che respirano di spazi aperti e solari. “Curiosando” riespone il tema portante (il Leitmotiv della protagonista femminile Irene) sovrapponendolo al motivo cosiddetto del viaggio e del lavoro, in maniera frivola. “Giocando a Savelletri” è un ostinato allegro in cui tutta l’orchestra gioca a rincorrersi in piena libertà espressiva e gioiosa (un brano che sembra uscito dalle commedie alla Jim Carrey o Steve Carrell dal sinfonismo americano). Un’arpa mesta e delicata da il la alla traccia “Lontano da casa” dove un tappeto d’archi sospensivo e un piano desolato accompagnano i ricordi di una Buy tristemente pensierosa. “Magari la musica” è un ballabile tra Ortolani e Morricone degli anni 70. “Arrivo a Berlino” ci accompagna con il suo ostinato per archi e fiati mentre “Intimità” ci rasserena con una melodia avvolgente e amabilmente calda per piano e archi in cui il tema di Irene si ammanta di sensualità. Un piano da saloon rallegra lo spirito in “The Farm” (pezzo adatto ad una comica di Stanlio e Ollio) e con “Le parole di Kate” veniamo immersi in suoni sintetici nei quali fa capolino un tema malinconico per piano. “Disorientata”, tra synth ambientali e archi trattenuti, con un piano cerca di apparire e tematizzare l’emozione di un attimo disarmante (un brano intimista alla Thomas Newman) per dare sfogo all’orchestra nella sua conclusione. “Il bacio di Andrea” tratteggia un leitmotiv per piano solo dal forte romanticismo. “Viaggio sola” su ritmiche cardiache ci fa ascoltare il tema di Irene per l’ultima volta, in maniera quasi astratta per chiudere l’album con il lungo pezzo folk-ambient “Hypersomnia” di M. Kurella, interpretato da Masha Qrella.


Titolo: Viaggio sola

Compositore: Gabriele Roberto

Etichetta: Emergency Music, 2013

Numero dei brani: 19

Durata: 31′ 08”


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)