Stai leggendo:

"Terapia d'urto" di Peter Segal

13 maggio 2003 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 13 Maggio 2003: Frizzante
Columbia, 13 Giugno 2003

Dave si sente sempre osservato dagli altri, che pensa gli ridano sempre alle spalle. Condannato a seguire un programma di riabilitazione psicologica con il dottor Rydell, si ritrova tutto d’un tratto a passare il suo tempo circondato da psicotici più o meno pericolosi. E il dottor Rydell sembra essere il più pericoloso di tutti!


Il miglior film di Adam Sandler, di gran lunga. Una sceneggiatura per nulla originale (provate a pensare a Terapia e Pallottole con De Niro al posto di Billy Crystal) condita però da tantissime situazioni divertenti e gag riuscitissime, il tutto impreziosito dall’ottima prestazione degli attori principali e da un casting perfetto per i ruoli secondari.

La sceneggiatura scritta da David Dorfman scherza (con garbo) sull’11 Settembre e fa leva su una paura che in fondo abbiamo tutti: quella che l’occupazione principale di chi ci circonda sia spiare i nostri gesti per poi riderci dietro. L’idea è naturalmente portata all’eccesso, e sviluppata a partire da un prologo a dir poco grottesco, ma l’efficacia della rappresentazione dell’insicurezza del protagonista è notevole.

La sequela di gag comiche è ben costruita e non scade mai nel volgare, nonostante in più di un momento lo si sfiori. I personaggi, sia principali che di supporto, riescono ad essere simpatici anche se monodimensionali ed eccessivamente caricaturali. Ma forse sono convincenti proprio perché sono così esagerati…

Jack Nicholson viaggia a briglia sciolta per tutto il film, come ormai ci ha abituati da tempo, e non si fa problemi a rubare la scena a chiunque si trovi al suo fianco, rendendo comunque interessante e imprevedibile il suo personaggio. Anche Sandler è lo stesso di sempre, ma in quest’occasione – cosa rara, per lui – si trova a pronunciare battute che fanno ridere. Marisa Tomei ha pochissimo spazio ma è “carina” al punto giusto per il ruolo. Apprezzabili poi soprattutto Luis Gúzman e John Turturro in ruoli di supporto, ma tra un cameo e l’altro il regista Peter Segal si limita a mostrarci il film senza rischiare nulla che possa distrarci dalla prestazione degli attori.


Titolo: Terapia d’urto (Anger Management)
Regia: Peter Segal
Sceneggiatura: David Dorfman
Fotografia: Donald McAlpine
Interpreti: Jack Nicholson, Adam Sandler, Marisa Tomei, Luis Gúzman, Jonathan Loughran, Kurt Fuller, Krista Allen, January Jones, John Turturro, Lynne Thigpen, Nancy Walls, Woody Harrelson, Heather Graham, John C. Reilly, Harry Dean Stanton
Nazionalità: USA, 2003
Durata: 1h. 46′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.