Stai leggendo:

The Mountain di Rick Alverson

2 settembre 2018 Recensioni 0 Commenti
Festival di Venezia 2018

Inedito in Italia – Catatonico

Dopo aver perso la madre, un ragazzo perde anche il padre. Un medico lo prende con sé in un lungo viaggio attraverso gli Stati Uniti per praticare lobotomie ed elettroshock. Il ragazzo, però, si innamora di una paziente e lui stesso manifesterà dei problemi mentali…


Uscendo dalla sala ci si chiede che cosa si è appena visto. The Mountain di  Rick Alverson è nettamente diviso in tre parti, tenute insieme dal protagonista, che procedono per accumulazione di personaggi, tuttavia questa accumulazione sarebbe sensata se nella parte precedente i personaggi fossero stati adeguatamente esplorati. Purtroppo questo non avviene, e per ben due volte ci si chiede quale senso abbiano i nuovi personaggi e perché vengono introdotti. Se Alverson ha voluto mandare un messaggio allo spettatore facendo un parallelo tra la lobotomia fisica e quella imposta oggi dai media (e accettata più o meno passivamente), ha scelto una strada particolarmente tortuosa. Anzi, molto spesso questa strada assomiglia a un mal tracciato sentiero nel bosco.

Se questa metafora particolarmente annacquata fosse almeno sostenuta da prove attoriali di valore, una fotografia interessante o una sceneggiatura solida con dialoghi frizzanti, The Mountain sarebbe un film comunque accettabile. Invece abbiamo Tye Sheridan che non parla praticamente mai e mostra sempre la stessa apatica espressione e Jeff Goldblum che – quando non gigioneggia inutilmente – si limita a interpretare passivamente un personaggio sgradevole per quello che fa ma poco caratterizzato. Il tutto condito da una fotografia grigia e anonima e una regia sciatta.

Forse Alverson vorrebbe filtrare il mondo attraverso la mente di uno dei tanti pazienti lobotomizzati che in realtà, sembra suggerirci nella conclusione, sono gli unici che non hanno perso i sentimenti. Sfortunatamente, tutto è così confusionario e raffazzonato che l’unica sensazione che si prova è noia, e non si può fare a meno di sperare che tutto finisca presto, un po’ come forse speravano i pazienti del medico interpretato da Goldblum.


La locandinaTitolo: The Mountain
Regia: Rick Alverson
Sceneggiatura: Rick Alverson, Dustin Guy Defa, Colm O’Leary
Fotografia: Lorenzo Hagerman
Interpreti: Tye Sheridan, Jeff Goldblum, Hannah Gross, Denis Lavant, Udo Kier, Annemarie Lawless, Eleonore Hendricks, Margot Klein, Amy Stiller, Adam Daveline, James A. Besha, Paul Eenhoorn, Larry Fessenden, Daniela Malave, Lollie Jensen
Nazionalità: USA, 2018
Durata: 1h. 46′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].