Stai leggendo:

The Sisters Brothers di Jacques Audiard

4 settembre 2018 Recensioni 0 Commenti
Festival di Venezia 2018

Inedito in Italia – Camuffato

I fratelli Sisters, due assassini al soldo di un ricco senza scrupoli, devono raggiungere un investigatore privato e il suo prigioniero, per torturarlo e ucciderlo. Le cose non vanno esattamente come preventivato, e le due coppie finiscono per trovarsi braccate da altri assassini…


A Jaques Audiard non interessa il western: la frontiera è una mera ambientazione dove si muovono i personaggi. Audiard è interessato a quello che i personaggi dicono, al discorso che portano avanti, a come si rapportano tra loro. The Sisters Brothers è un film sull’amicizia: i due fratelli Sisters sono prima di tutto amici di vecchia data, che conoscono fin troppo bene i difetti l’uno dell’altro e sono disponibili ad accettarli. Quella tra l’investigatore Morris e il cercatore Ward, invece, è un’amicizia che sboccia pian piano – in modo simile a una storia d’amore – e si sviluppa. Certo, la strada verso la cementificazione dell’amicizia o la sua difesa è costellata di cadaveri e le sparatorie non mancano, anche se sembrano più un tributo da pagare al genere e una fastidiosa formalità burocratica.

Audiard, regista di razza, riesce a gestire in modo egregio la sceneggiatura, imprimendo il giusto ritmo al procedere della storia e riuscendo a mantenere sempre alta l’attenzione dello spettatore durante i lunghi dialoghi che sono l’ossatura principale del film. Riesce così a costruire personaggi a tutto tondo, ben cesellati e coerenti, che attraversano la pellicola e crescono con il passare del tempo. L’operazione riesce pienamente anche grazie all’ottimo lavoro del quartetto di protagonisti -tutti perfettamente in parte – per quanto brilli su tutti la stella di John C. Reilly, cui è affidato il personaggio più complesso e che evolve maggiormente nel corso della pellicola.

La smitizzazione del western come genere non passa solo dalla rappresentazione delle sparatorie ma anche dal finale, che è decisamente atipico per un film appartenente a questo genere. The Sisters Brothers non vuole rivoluzionare il western, ma semplicemente sovvertirne i canoni, tornando a rendere la frontiera soprattutto un luogo di speranza verso il futuro, dove è possibile – pur facendo fronte a grandi sofferenze – costruirsi un futuro radioso.


La locandinaTitolo: The Sisters Brothers
Regia: Jacques Audiard
Sceneggiatura: Jacques Audiard, Thomas Bidegain
Fotografia: Benoît Debie
Interpreti: John C. Reilly, Joaquin Phoenix, Jake Gyllenhaal, Riz Ahmed, Rutger Hauer, Carol Kane, Creed Bratton, Duncan Lacroix, Jóhannes Haukur Jóhannesson, Niels Arestrup
Nazionalità: USA – Francia – Romania – Spagna, 2018
Durata: 2h. 01′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].