Stai leggendo:

"Tutta colpa dell'Amore" di Andy Tennant

5 dicembre 2002 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 5 Dicembre 2002: Insulso
Buena Vista, 20 Dicembre 2002

Ad un passo dal diventare una stilista di fama, Melanie riceve la proposta di matrimonio dal proprio fidanzato. Ovviamente accetta, ma poi lascua New York  per tornare nella natia Alabama a dare la notizia ai propri genitori. O almeno questo è quello che dice al futuro marito…


Dopo aver incassato 130 milioni di dollari negli Stati Uniti, arriva anche da noi la pellicola che ha confermato l’appeal commerciale della nuova bionda di Hollywood, Reese Witherspoon. Arriva da noi e si dimostra un film mediocre sotto ogni aspetto, irritante da tanto insiste sulla riproposizione di luoghi comuni e da come non riesce a creare quasi mai momenti comici davvero riusciti (e quelli riusciti sono concentrati tutti negli ultimi venti minuti). Nel suo insieme, questo Sweet Home Alabama sembra di una categoria decisamente inferiore rispetto alle altre commedie romantiche che gli Studios hanno prodotto negli ultimi anni, che già non sempre erano questa gran cosa… Eppure, pare proprio che in questo periodo il pubblico statunitense sia particolarmente sensibile nei confronti delle commedie “etniche”..

Come detto, la star del film è Reese Whiterspoon, ma al suo fianco ci sono anche Josh Lucas (che aveva già lavorato con la Witherspoon in American Psycho) e Patrick Dempsey, oltre a Mary Kay Place, Fred Ward e Candice Bergen. Comunque sia, questa pellicola è un “one woman show”, chiaramente realizzata per cavalcare l’onda del successo che sta avendo la protagonista di La Rivincita delle Bionde, senza perder troppo tempo a cercare di renderla un buon film. La visione risulta noiosa, quando non dolorosa; più che affezione, nei confronti dei personaggi si provano disinteresse e dileggio, e non si riesce a non chiedersi come si possa aver concepito una sceneggiatura così brutta (tantomeno come si possa averla voluta produrre).

La regia di Andy Tennant (Anna and the King) latita e le musiche (tra cui, ça va sans dire, Sweet Home Alabama) infastidiscono. E mentre sembra ormai una legge scientifica il fatto che Rhona Mitra reciti solo in pessimi film, fa tristezza vedere come s’è ridotto l’ex Remo Williams Fred Ward.


Titolo: Tutta colpa dell’Amore (Sweet Home Alabama)
Regia: Andy Tennant
Sceneggiatura: C. Jay Cox
Fotografia: Andrew Dunn
Interpreti: Reese Witherspoon, Josh Lucas, Patrick Dempsey, Candice Bergen, Mary Kay Place, Fred Ward, Jean Smart, Ethan Embry, Melanie Lynskey, Courtney Gains, Mary Lynn Rajskub, Rhona Mitra, Nathan Lee Graham, Sean Bridges, Dakota Fanning
Nazionalità: USA, 2002
Durata: 1h. 50′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)