Stai leggendo:

"Un amico molto speciale" di Alexandre Coffre

4 dicembre 2014 Recensioni 0 Commenti
Un amico molto speciale

M2 Pictures, 4 Dicembre 2014 – Lucente

Antoine ha soli 6 anni. Il suo desiderio più grande è rincontrare suo padre, che vive ormai su una stella. Quando la sera della vigilia un Babbo Natale molto speciale cade per magia sul suo balcone, Antoine immagina che la slitta natalizia possa essere il mezzo più opportuno per raggiungere il proprio scopo…


Tahar Rahim e Victor Cabal in Un amico molto specialeAlexandre Coffre racconta una favola moderna utilizzando gli archetipi classici del Natale, ma stravolgendoli a modo suo. A partire dal Babbo Natale stesso, che da omone di mezza età dal sacco pieno trasforma in un trentenne con la barba finta e le tasche vuote, fino a una Parigi illuminata a festa che diventa il paese incantato dove l’allegro “vecchietto” panzuto tiene succursali della sua attività, fa passare una ballerina per sua agente e addirittura nomina come uomo nero il delinquente che gli sta alle calcagna. Il piccolo Antoine partecipa al gioco e instaura con il disonesto Papà Natale un rapporto divertente, che oscilla tra il pericolo e l’intima emozione tra padre e figlio.

Tahar Rahim e Victor Cabal in Un amico molto specialeProprio l’incontro di questi due personaggi fa nascere l’alchimia giusta per sviluppare una storia nuova da ambientare nella classica atmosfera natalizia, due anime solitarie e ferite, con un adulto che fugge le responsabilità e un bambino pronto a rinunciare alla sua infanzia, ma che trovano la direzione giusta nella magia di quella notte. Victor riparerà il suo passato e Antoine delineerà il suo avvenire. L’azione è l’altro elemento che impregna di modernità questa favola: i furti attraverso i balconi degli appartamenti parigini, con annesse acrobazie, caricano il film di suspense e tensione crescente. Ma è la fotografia a definire l’incanto dell’intera storia, i colori scintillanti, le soggettive tra i tetti di una Parigi sublimata, i primi piani dei due protagonisti, gli sguardi interrogativi sulle loro reciproche identità.

Victor Cabal e Tahar Rahim in Un amico molto specialeNotevole l’interpretazione del piccolo Victor Cabal, che riesce a mantenere fino alla fine la sua innocenza bambina, lavorando sulle emozioni come fosse un gioco e riuscendo a instaurare con il suo compagno di viaggio Tahar Rahim un rapporto davvero speciale. Coffre mette insieme commedia e intimismo per coinvolgere adulti e bambini, ma soprattutto per dare originalità a un film ambientato nella notte più suggestiva dell’anno, in cui tutto può accadere!


La locandina di Un amico molto specialeTitolo: Un amico molto speciale (Le Père Noël)
Regia: Alexandre Coffre
Sceneggiatura: Alexandre Coffre, Rachel Palmieri, Fabrice Carazo, Laurent Zeitoun
Fotografia: Pierre Cottereau
Interpreti: Tahar Rahim, Victor Cabal, Annelise Hesme, Michaël Abiteboul, Philippe Rebbot, Amélie Glenn, Jean-François Cayrey, Satya Dusaugey
Nazionalità: Francia, 2014
Durata: 1h. 21′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre