Stai leggendo:

"Unstoppable" di Tony Scott

11 aprile 2012 Recensioni 4 Commenti
Francesco Binini, 9 Marzo 2012: Inarrestabile
20th Century Fox, 12 novembre 2010

A causa di un errore umano un treno merci, senza conducente e lanciato al massimo della potenza, rischia di deragliare al centro di una cittadina. Un macchinista e un capotreno cercheranno di fermarlo prima che si schianti contro un treno carico di bambini…


Liberamente ispirato ad un evento accaduto in Ohio nel 2001, il film di Tony Scott – regista di lungo corso e con molto “mestiere” alle spalle – parte bene. Il montaggio alternato, il giusto ritmo e la mancanza di informazioni riescono a rendere davvero efficace la scena della possibile connessione tra il treno senza macchinista e quello carico di bambini. Poco dopo la storia si ripete, solo che adesso a rischiare di schiantarsi contro il convoglio impazzito è il treno di Denzel Washington. Questa volta, però, il gioco non funziona: un po’ per come la scena è costruita, un po’ perché qualsiasi spettatore sa che il protagonista non muore a venti minuti dall’inizio del film. E Tony Scott, con tutta la stima, non è Sir Alfred Hitchcock.

Da questo punto in poi, la sceneggiatura comincia a perdere colpi, ad esempio facendo dialogare i personaggi come se fossero nel bel mezzo di una qualsiasi giornata di lavoro e non nel pieno di un’emergenza, oppure facendo saltellare allegramente Denzel Washington controvento da un vagone all’altro di un treno merci lanciato a 100km/h. In realtà in tutta la seconda parte del film – che si discosta pesantemente da come la vicenda realmente si svolse – lo sceneggiatore si è dovuto inventare buona parte della storia, aggiungendo situazioni più o meno pericolose per tenere alta la tensione ma che non fanno altro che rendere il tutto poco credibile, senza contare che le motivazioni che spingono i personaggi sono del tutto aleatorie (si muovono più per senso del dovere e per fare un “tentativo” che per salvare una situazione potenzialmente tragica).

Tony Scott utilizza tutto l’arsenale del regista di film d’azione, alternando campi lunghi, soggettive, carrellate, riprese aeree, ralenti e chi più ne ha più ne metta. Il montaggio frulla tutto insieme rendendo a volte addirittura difficile capire da che angolazione stiamo seguendo la vicenda. Non che questo riesca a risollevare completamente la situazione, ma almeno evita la noia e il ridicolo di una storia che, forse, non valeva la pena portare sul grande schermo.


Titolo: Unstoppable – Fuori controllo (Unstoppable)
Regia: Tony Scott
Sceneggiatura: Mark Bomback
Fotografia: Ben Seresin
Interpreti: Denzel Washington, Chris Pine, Rosario Dawson, Ethan Suplee, Kevin Dunn, Kevin Corrigan, Kevin Chapman, Lew Temple, T.J. Miller, Jessy Schram, David Warshofsky, Andy Umberger, Elizabeth Mathis, Meagan Tandy, Dylan Bruce
Nazionalità: USA, 2010
Durata: 1h. 38′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Per gli amanti dell’action puro. Una visione è accetabile, due sono troppe per me.

  2. Alberto Cassani scrive:

    Come per la maggior parte dei film di genere, purtroppo…

  3. Fabrizio scrive:

    Io ne sconsiglio anche una singola visione. I personaggi (Denzel soprattutto) sono di una scialbo inenarrabile e l’azione manca completamente di pathos.
    Tony Scott lo conosciamo, ma questo è il suo peggior film da anni a ‘sta parte.

  4. Arrivo tardi, ma ho avuto l’occasione di vedere questo film. A livello tecnico ferroviario ci sono molte cose che non vanno, ma il film è molto bello, chiedo a chi ha criticato pesantemente il film il perchè del proprio commento.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.