Stai leggendo:

"Alla ricerca di Dory" di Andrew Stanton

14 settembre 2016 (12 agosto 2016) Recensioni 1 Commento
Alla ricerca di Dory

Walt Disney, 14 Settembre 2016 – Malinconico

Un anno dopo aver ritrovato Nemo, Dory si ricorda improvvisamente dei suoi genitori. Convince allora Marlin e Nemo ad accompagnarla dall’altra parte dell’Oceano per raggiungere “il gioiello di Morrow Bay”. Ma una volta giunti in California, Dory viene pescata da due addetti di un parco oceanografico…


Una scena di Alla ricerca di DorySono passati tredic’anni da Alla ricerca di Nemo (ma solo uno nella finzione), e la Pixar ha finalmente trovato la chiave giusta per dare un seguito a uno dei suoi più celebrati capolavori. Alla ricerca di Dory è però un film molto diverso dal prototipo: è decisamente più profondo e ha un velo di malinconia che non si può certo dire resti sullo sfondo. Questo è dovuto proprio alla scelta di fare di Dory la protagonista: non volendo sottovalutare la disabilità della pesciolina blu, gli autori hanno incentrato non solo le gag ma anche quasi tutte le svolte drammatiche attorno alla sua perdita di memoria a breve termine. E l’hanno fatto con la giusta sensibilità e attenzione, perché non si ha mai l’impressione di ridere alle spalle di qualcuno, e anzi le riflessioni sulla sua condizione sono particolarmente riuscite, e si spera efficaci agli occhi di grandi e piccini.

Marlin e Nemo in una scena di Alla ricerca di DoryMa Alla ricerca di Dory rimane comunque una commedia, e in questo senso riesce a essere davvero divertente e a suo modo sorprendente. La girandola di situazioni è variegata e neanche una gag finisce sprecata. La costruzione del parco oceanografico è interessante e ben sfruttata, e anche alcune scelte di doppiaggio si rivelano particolarmente azzeccate. Come azzeccati sono anche i personaggi secondari (tutt’altro che una novità, in casa Disney/Pixar), non solo protagonisti di scenette comiche a sé stanti o scorciatoie narrative, ma veri e propri meccanismi drammatici.

Una scena di Alla ricerca di DoryIn ogni caso, sarebbe ingiusto fare un paragone diretto tra Alla ricerca di Dory e il film precedente, e più ancora sarebbe ingiusto chiedersi se sia migliore o peggiore. Dory prende strade narrative completamente diverse rispetto a Nemo, e per quanto il titolo possa far pensare a una trama tutto sommato simile in realtà non è così. Alla ricerca di Dory è un film che sa divertire, ma è anche e soprattutto un film che stringe il cuore degli spettatori, soprattutto adulti.


La locandinaTitolo: Alla ricerca di Dory (Finding Dory)
Regia: Andrew Stanton (co-regia Angus MacLane)
Sceneggiatura: Andrew Stanton, Victoria Strouse
Fotografia: Jeremy Lasky
Doppiatori: Carla Signoris, Luca Zingaretti, Alex Polidori, Stefano Masciarelli, Massimiliano Rosolino, Licia Colò, Baby K
Nazionalità: USA, 2016
Durata: 1h. 37′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Concordo.
    Nettamente superiore agli ultimi Pixar.
    Veramente toccante e scritto benissimo.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.