Stai leggendo:

"Ave, Cesare!" dei fratelli Coen

9 marzo 2016 Recensioni 0 Commenti
Ave, Cesare!

Universal, 10 Marzo 2016 – Ricreativo

Hollywood. Dagli studi cinematografici della Capitol sparisce misteriosamente la star di punta, impegnata nelle riprese di un kolossal sulla vita di un centurione romano. Nel frattempo, il tuttofare Eddie Mannix si divide tra la ricerca della star e i tanti problemi nati sui set…


George Clooney in Ave, Cesare!L’ora della ricreazione per i fratelli Coen è una scorpacciata di divertite citazioni della Hollywood anni Cinquanta. Una carrellata di attori che si donano generosamente al pubblico, rievocando gli aspetti più estrosi sopravvissuti alle cronache mondane della mitica Hollywood: c’è George Clooney che interpreta la star rimbecillita, l’attore di lunga fama e poco cervello; Scarlett Johansson la diva insopportabile che crea solo rogne ai produttori che tentano di salvarne l’immagine pubblica; Ralph Fiennes come rinnovato Laurence Olivier, la cui sicura impostazione accademica al mestiere viene messa in subbuglio dal doversi misurare con un attore bello ma totalmente incapace. E poi c’è Tilda Swinton nel duplice ruolo di sorelle giornaliste a caccia di gossip, e un cameo di Christopher Lambert. Tra tutti, Channing Tatum riesce a catalizzare maggiormente lo spirito del film, alle prese con il canto e il tip tap in una formidabile sequenza prima e come figura rivelatoria poi.
Josh Brolin e Tilda Swinton in una scena di Ave, Cesare!A tenere le redini della storia c’è l’immenso Josh Brolin, ancora una volta perfetto nell’improbabile ruolo di indagatore, figura sorniona che incarna i lineamenti del noir. L’intero cast si muove tra set cinematografici diversi, a cavallo o indossando una coda da sirena, interpretando una o più richieste dall’alto della produzione. A più riprese viene ribadito che il cinema è un circo, e come tale viene presentato in un alternarsi di vicende con personaggi stravaganti a far da padroni.

Scarlett Johansson in Ave, Cesare!Ma parlare di divertimento con i Coen non è mai argomento fine a se stesso, così in Ave, Cesare! le risate meno scanzonate le provoca il non troppo velato richiamo al maccartismo e agli aspetti meno limpidi che quel periodo della storia statunitense portò con sé, mentre la chiave cristologica cui si aggrappa la morale di facciata del sistema cinematografico incombe fino all’ultima scena ingombrante e canzonatoria.

Ralph Fiennes in ua scena di Ave, Cesare!Tuttavia, c’è qualcosa che manca all’insieme per poter essere un film pienamente convincente. Alla carrellata di stili e profili del cinema classico si frappone l’assenza di quella malinconia e quel senso di attesa cui ci eravamo abituati dalla lunga e intensa carriera dei due autori, quasi che Ave, Cesare! possa rappresentare più un divertissement di passaggio, una ricreazione nel bel mezzo delle intense lezioni di cinema a loro solite, che non un nuovo pilastro che superi il momento di gloria per restare agli annali di Hollywood.


La locandina di Ave, Cesare!Titolo: Ave, Cesare! (Hail, Caesar!)
Regia: Joel & Ethan Coen
Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen
Fotografia: Roger Deakins
Interpreti: George Clooney, Josh Brolin, Alden Ehrenreich, Ralph Fiennes, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, Frances McDormand, Channing Tatum, Jonah Hill, Veronica Osorio, Heather Goldenhersh, Alison Pill, Max Baker, Clancy Brown, Christopher Lambert
Nazionalità: USA, 2016
Durata: 1h. 46′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre