Stai leggendo:

Blade Runner 2049 di Denis Villeneuve

4 ottobre 2017 Recensioni 17 Commenti
Blade Runner 2049

Warner, 5 Ottobre 2017 – Pessimo

K, un lavoro in pelle in forza alla polizia di Los Angeles, è un blade runner preposto al ritiro di una serie di replicanti senza data di scadenza fuggiti dall’esercito. Riesce a rintracciarne uno, ma nel farlo scopre anche un segreto che potrebbe gettare la società del 2049 nel caos…


Una scenaProprio nell’occasione più importante, Denis Villeneuve realizza quello che è di gran lunga il suo film peggiore. A partire da un soggetto che poteva anche essere intrigante, Blade Runner 2049 si sviluppa nella maniera più banale possibile, senza mai un guizzo o una sorpresa che possa dirsi realmente tale. Colpa dell’insipida sceneggiatura di Fancher e Green, ma colpa anche del regista quebecchese, che sceglie sempre la via più ovvia per girare una scena e non riesce mai a creare qualcosa che sia visivamente d’impatto. E non gli sono certo di aiuto i dialoghi recitati a uno all’ora, che hanno l’effetto di rendere la proiezione un’interminabile sofferenza.

Una scenaMa non è nella realizzazione pratica, il problema vero di Blade Runner 2049, quanto nella scelta sbagliata della direzione in cui portare il progetto: non ci si può aspettare nulla di buono, quando si parte con l’unico intento di fare il verso a qualcos’altro. In questo, è esemplificativa la sostituzione del musicista Jóhann Jóhannsson, per avere dalla colonna sonora un sound che ricordasse da vicino il lavoro di Vangelis per il film del 1982. Stupisce, però, che in questa trappola sia cascato un regista capace come Villeneuve, che proprio dell’imprevedibilità – visiva e narrativa – ha sempre fatto il suo cavallo di battaglia, ma che qui appare spaesato e intimorito, totalmente impersonale.

Una scenaNon è la prima volta – e non sarà l’ultima – che Hollywood mette in piedi una macchina da quasi 200 milioni di dollari (185, in questo caso) per poi aver paura di schiacciare l’acceleratore. Blade Runner 2049 non prende mai un rischio, non prova mai a sorprendere per non scontentare innanzitutto i fan, ma anche gli spettatori comuni, che quando si tratta di blockbuster, a Los Angeles trattano sempre come amebe. Spesso i risultati del botteghino hanno dato loro ragione, e lo faranno anche in questa occasione, ma per l’ennesima volta la montagna di soldi investiti ha partorito un topolino scialbo, privo di attrattive al di là del titolo e che merita di perdersi nell’anonimato in cui lui stesso ha deciso di confinarsi.


La locandinaTitolo: Blade Runner 2049 (Id.)
Regia: Denis Villeneuve
Sceneggiatura: Hampton Fancher, Michael Green
Fotografia: Roger Deakins
Interpreti: Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana De Armas, Sylvia Hoeks, Robin Wright, Dave Bautista, Jared Leto, Mackenzie Davis, Carla Juri, Lennie James, Barkhad Abdi, David Dastmalchian, Hiam Abbass, Wood Harris, Tómas Lemarquis, Mark Arnold
Nazionalità: USA, 2017
Durata: 2h. 43′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 17 commenti a questo articolo:

  1. Riccardo ha detto:

    Ahia, questa non me l’aspettavo. Vero che replicare la bellezza sublime del film di Scott era praticamente impossibile, ma mi sorprende e al contempo amareggia sapere che Villeneuve ha cannato il film più importante della sua carriera a oggi… Dopo aver visto quel mezzo capolavoro di Arrival ne ero sicuro fosse la scelta giusta. In ogni caso il film devo vederlo e quindi solo allora posso trarre le dovute conclusioni, ma già qua partiamo male

  2. Alberto Cassani ha detto:

    Io sono veramente sorpreso che così tanta gente ne stia parlando bene. Anche solo dal punto di vista visivo, al di là della qualità di fotografia ed effetti non ha proprio nulla di meritorio. E la storia lasciamo perdere…

  3. Sebastiano ha detto:

    Arrival per me è deludente, e credevo che la causa fosse la fretta di sbrigare il lavoro per dedicarsi a Blade Runner 2049, film che avevo promesso a me stesso di non vedere, ma non mi darò retta.

  4. Alberto Cassani ha detto:

    È curioso come Villeneuve abbia iniziato con film dal concetto forte ma visivamente normali, per poi virare verso una ricerca estetica forte. Ma evidentemente, non sempre trova il modo giusto per costruire il film.

  5. Andrea ha detto:

    Ci son rimasto male!
    Non c’è neanche un sito che parli meno di “molto buono”.
    Neanche “buono”, ma più su!

  6. Sebastiano ha detto:

    Ed ora tutto questo se ne va, come lacrime nella… neve! Più originale di così non ce l’hanno fatta!
    Peccato. Un po’ mi ruga, ma Villeneuve è da oggi nella mia personale black list.
    E vorrei dire “beate le giovani leve” ma non sono per nulla sicuro che un film così se le vada a prendere.
    Un collega non è mai riuscito a vedere Blade Runner a causa della lentezza. Chi gli dice che questo è esattamente Blade Runner alla moviola?
    E la porcata dei tre corti? Si sono forse resi conto di non aver raccontato quello che veramente interessava raccontare, cioè esattamente i 30 anni trascorsi?
    Mah!!
    E mi tocca pure rivederlo in originale, per dare un senso a Jared Leto.

  7. apaz74 ha detto:

    Finito di vedere poco fa. Direi deludente, inutilmente lungo e lento. Ho trovato poi veramente insopportabile il personaggio di Wallce.

    bocciato.

  8. stefano s. ha detto:

    Caro Alberto sei il mio recensore preferito su questo sito, ma questa volta ti richiedo di tornare indietro e modificare almeno il tuo giudizio sintetico, PESSIMO è veramente eccessivo e irrispettoso per il film e per il nuovo regista.
    Sono un appassionato di cinema e Blade Runner quello vero è sempre stato il mio film preferito, mai scalzato da nessuno, questo Blade Runner 2049 se lo potevano tranquillamente risparmiare, ma una volta fatto, lo hanno girato con il rispetto e la cautela che si deve ad un Capolavoro, e lo hanno affidato al regista migliore possibile per affrontare questa sfida.
    Ti chiedo di cambiare il giudizio sintetico con NON NECESSARIO o RISPETTOSO ma Pessimi è troppo.

    Grazie, vi seguo sempre.

  9. Paolo ha detto:

    A me è piaciuto molto. Sicuramente da rivedere. Non concordo con lei caro Cassani anche se in genere apprezzo molto le sue recensioni. A mio parere il film sviluppa un tema assolutamente nuovo ed affascinante pur mantenendo un legame , soprattutto nelle atmosfere , con il capolavoro di Ridley Scott.
    Temo caro Cassani che lei voglia distinguersi dalla critiche prevalentemente positive dei suoi colleghi . Come già fece recensendo La sottile linea rossa.
    Con stima, Paolo

  10. Alberto Cassani ha detto:

    Mi diverte sempre leggere commenti che presuppongono che se qualcuno non si allinea con il gregge lo fa per distinguersi, o per invidia. E’ un ragionamento che presuppone insincerità da parte dell’interlocutore, quando non disonestà intellettuale vera e propria. Evidentemente è più facile pensare che qualcuno sia disonesto, piuttosto che accettare che si possa avere un’opinione diversa dalla nostra…

    Ad ogni modo, ho pensato a lungo a che etichetta dare al film (ovviamente non per quanto riguarda il colore), e probabilmente se avessi avuto un 24 ore in più per rifletterci avrei preso una decisione diversa. Ma la recensione è stata scritta la sera dell’anteprima stampa, ed è andata online la mattina dopo, ossia il giorno prima dell’uscita del film, e non potevo prendermi troppo tempo per un solo particolare. Così, ho preferito concentrare nell’etichetta l’impressione generale avuta durante la visione e al termine della stessa.
    Che il film fosse non necessario (se non per l’aspetto economico) lo sapevamo anche prima, ma che sia rispettoso non sono d’accordo. Lo è solo di facciata – nella ricerca delle atmosfere, come dice Paolo, anche se lo fa dilatando eccessivamente i tempi – perché ciò che rese grande il prototipo era proprio la carica innovativa che portava con sé, mentre questo rinuncia totalmente proprio all’innovazione e all’originalità Certo non riscrive la storia del primo film, in questo è sì rispettoso, ma ritengo che per progetto non renda un buon servizio al “marchio”, appiattendolo e sminuendolo. Probabilmente “pessimo” è esagerato, perché si tratta comunque di un film tecnicamente eccellente anche se non sorprendente, ma ritengo che non ci sia proprio niente da salvare.

    Il tema centrale cui accenna Paolo – giustamente senza specificarlo, perché magari ci legge qualcuno che ancora non ha visto il film – è sì molto interessante, e in effetti non credo di aver letto o visto nulla, su questo argomento specifico, ma è banalizzato e lasciato totalmente in sospeso (“un segreto andato perduto con la Tyrell Corporation”, dice più o meno il personaggio di Jared Leto). Per come è trattato, sembra più un pretesto che un tema centrale, perché serve solo in funzione delle tribolazioni interiori del protagonista, oltre che per mettere in moto la storia. Non è un macguffin hitchcockiano, ma quasi.

  11. Plissken ha detto:

    Mah, per quanto “pessimo” e il conseguente colore rosso possano credo essere eccessivi, in linea di massima direi che l’analisi del Cassani mi trova concorde in molti frangenti, primo fra tutti la scarsa valenza della sceneggiatura a cui va unita una talvolta eccessiva ricerca “estetica” che, per quanto facente parte dell’apprezzato stile di Villeneuve, essendo in eccesso provoca ovviamente difetto. Sovente inoltre, i tempi dilatati che dovrebbero conferire maggiore profondità e spessore ai personaggi in virtù di una superiore espressività/spessore, appaiono come lungaggini di cui la definizione stessa implica il titolo gratuito.
    Oltre ciò, talvolta alcune elucubrazioni “filosofiche” appaiono inserite in maniera un po’ forzata, al pari di certe ridondanze “vegassiane” che ho trovato piacevoli a sé ma avulse dal generale contesto.

    Ultima nota (perlomeno di primo acchito) negativa, il tema principale, o perlomeno uno dei principali, inerente la “ricerca di se stessi” che, per quanto sviluppato in maniera sensibile, non risulta di certo inedito considerando la filmografia avente per soggetto entità robotiche anziché “replicanti”. Oltretutto personalmente mi ha tediato non poco l’ambire alla condizione umana da parte delle svariate entità artificiali, in quanto come traguardo m’appare onestamente obsoleto ed inverosimile… abbraccio in tal senso la poiesi carpenteriana.

    Ciò nonostante l’opera in sé racchiude a mio parere anche alcuni punti di forza, sia inerenti l’aspetto tecnico (impressionante la perizia dimostrata nell’uso dei CGI ), sia la cura per l’ambientazione, nonché la ricerca di un certo “romanticismo” non scevro da richiami “noir” con cui l’illustre predecessore ha saputo deliziarci. Ho trovato Gosling ben inserito nella parte mentre in verità la rimpatriata del buon vecchio Harrison ha assunto tratti un po’ troppo “jankee” per i miei gusti, cinematograficamente parlando.

    Concludendo credo che lo consiglierei ai soli appassionati sci-fi, per quanto mi riservi io stesso di riprenderne visione senza le naturali, grandi aspettative di cui ogni “ragazzo degli anni ‘80” è geneticamente permeato. La cosa che più mi preoccupa è che alcune inquietanti locuzioni lasciano presagire possibili ulteriori sviluppi di cui francamente non vedo necessità, onde evitare gli ennesimi reboot e prequel e sequel e chi più ne ha più ne metta…

  12. stefano s. ha detto:

    Alberto cambia il giudizio sintetico, mantieni il colore ma cambia quel Pessimo che è irrispettoso.
    E’ vero che la sceneggiatura non si è presa rischi e il personaggio di Jared Leto è quasi odioso, ma nessun regista si sarebbe preso rischi personalizzando troppo un film come Blade Runner, e per quanto mi riguarda è giusto cosi’.
    I fan sarebbero stati pronti a fare di tutto per fargli finire la carriera da regista, non si può mettere i baffi alla Gioconda dire che è la mia personale visione, e passarla liscia.
    Cambia giudizio , fa male leggere Pessimo per un film non necessario ma super rispettoso.

  13. Alberto Cassani ha detto:

    Stefano, ho già spiegato che per me il film non è né rispettoso né tantomeno super rispettoso. Al massimo possiamo dire che è intimorito. Ma come progetto cinematografico è pessimo proprio nella sua ideazione: se oggi ci ricordiamo “Aliens” ma non “Il braccio violento della Legge 2” è proprio perché Cameron ha preso dei rischi rispetto al prototipo e Frankenheimer no. “Blade Runner” è un grande film proprio per la sua carica innovativa, sia a livello di sceneggiatura che tecnica (in senso lato): non vedo perché un fan non avrebbe dovuto apprezzare questa stessa caratteristica in un sequel realizzato 35 anni dopo il primo film.

  14. mrfusion ha detto:

    Devo dire, da profano ma da amante dell’originale, che a me e’ piaciuta l’atmosfera del film. Mi e’ parso davvero di essere “dentro” il primo Blade Runner.
    Pero’ la storia.. beh insomma, e’ davvero ben poco sviluppata e quel poco che c’e’ e’ banalotto.
    E mi rimane il terrore che questo sia dovuto al fatto che vogliano fare un terzo capitolo…

  15. Alberto Cassani ha detto:

    Non credo che avessero in mente di iniziare una saga, anche perché la conclusione sembra aprire la strada a qualcosa di poco “bladerunneriano”, come atmosfere. Poi, in ogni caso, dopo i cattivi risultati del boxoffice direi che chiudono qui. O al massimo ci fanno una miniserie tv.

  16. Donato ha detto:

    Vedo analogie con quanto accaduto al film di Ghost in the Shell di quest’anno. Francamente, ritengo che capolavori indiscussi come GITS e BR non possano essere oggetto di remake o sequel, tanto meno se questi arrivano fuori tempo massimo. E’ impossibile riproporre quelle atmosfere e quei ritmi di narrazione al giorno d’oggi e, purtroppo, non li si può neanche snaturare. A parte il fatto che, in questi casi, il confronto con l’originale ti fa partire comunque con un grosso handicap.
    I gusti della gente sono cambiati rispetto agli anni ’80 e non puoi fare botteghino contando soltanto sugli appassionati/nostalgici. Poi, come sempre, le cose c’è modo e modo di farle, anche quando si tratta di una scommessa persa in partenza. Come Ghost in the Shell 2017, hanno finito per cavare fuori una sceneggiatura banalotta mettendola al servizio di un comparto tecnico di alto livello.
    Purtroppo, la fantascienza cinematografica di qualità mi sembra un genere in agonia, non riuscendo più a far presa sull’audience di massa che ormai vuole solo vedere film in cui ci sono sparatorie, esplosioni ed inseguimenti dall’inizio alla fine del film. Guai a proporgli un dialogo più lungo di due minuti e che non sia fatto di batture ad effetto: si abbioccano in sala o cominciano a giocare con gli smartphone…
    Tanto per fare un esempio, a me l’adattamento cinematografico di Ghost in The Shell era sembrato infarcito di scene d’azione inutili o superflue, ma ho letto commenti di gente che si lamentava dicendo che era troppo “lento”. E certo, perché se non esplodono palazzi dal primo all’ultimo minuto e non si rade al suolo almeno qualche città, questi si annoiano…

  17. Stefania ha detto:

    Concordo nel triste fatto che questo e’ il peggior film di Villeneuve e cerco di divorziare le alte aspettative dal risultato finale. Al di la’ delle inspiegabili iperboli di certa stampa che mi chiedo ancora cosa abbia visto (cose che questa umana……no) questo film mi e’ sembrato una “variazione minore sul tema di Blade Runner”, come se fosse il risultato amatoriale, ma con un budget ingente, di qualcuno che abbia deciso di portare sul grande schermo fan fiction. Per me la discrepanza meno accettabile e’ stata paragonare il dialogo bellissimo dell’originale ed il dialogo da generatore automatico di luoghi comuni di 2049. MAH!

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].