Stai leggendo:

"Eva" di Kike Maillo

24 agosto 2012 Recensioni 4 Commenti
Eva

Videa-CDE, 31 Agosto 2012 – Sprecato

Un giovane ma geniale scienziato robotico torna a casa dopo dieci anni di assenza per completare il progetto che aveva abbandonato, la creazione del primo robot emotivamente uguale a un bambino umano. Per farlo decide di prendere come modello la spigliata Eva…


Daniel Brühl, Marta Etura e Alberto Ammann«Cosa vedi quando chiudi gli occhi?» O come scrisse qualcun altro, «Gli androidi sognano pecore elettriche?» Ed è probabile che i quattro sceneggiatori di Eva abbiano pensato al romanzo di Philip K. Dick e al film che ne ha tratto Ridley Scott, durante la creazione della loro storia, perché a fianco di alcune assonanze forse casuali – come quella citata in apertura – c’è invece il tema comune dei sentimenti e degli stati d’animo degli androidi. Di quanto, insomma, un essere artificiale possa essere umano.
Una scena di EvaLo spostamento del punto di vista è comunque interessante, perché se in Dick a riflettere sulla questione è il cacciatore di androidi e in Scott sono invece gli androidi stessi, qui è il loro creatore a farlo. Gioca con la loro emotività e il loro carattere come fossero un cubo di Rubik, ma li rispetta perché ne riconosce l’unicità.

Claudia Vega in EvaQueste ottime intenzioni, però, vengono buttate sempre più al vento man mano che la storia procede: da un inizio col botto a un bellissimo ritratto del futuro prossimo, si scivola progressivamente ma rapidamente in un intreccio da telenovela che cerca il guizzo solo a pochi minuti dalla fine e rende la pellicola in alcuni momenti persino indigesta. Ed è un peccato, perché la sceneggiatura come detto qualche idea ce l’ha, e l’esordiente regista tratteggia con la giusta discrezione la componente fantascientifica che caratterizza il mondo raccontato. Purtroppo, questo non basta a rendere davvero significativa una pellicola che aveva invece tutte le carte in tavola per esserlo.


La locandina spagnola di EvaTitolo: Eva (Id.)
Regia: Kike Maillo
Sceneggiatura: Sergi Belbel, Cristina Clemente, Marti Roca, Eintza Serra
Fotografia: Arnau Valls Colomer
Interpreti: Daniel Brühl, Claudia Vega, Marta Etura, Alberto Ammann, Anne Canovas, Lluís Homar, Sara Rosa Losilla, Manel Dueso, Ona Casamiquela, Peter Vives, Jordi Díaz
Nazionalità: Spagna – Francia, 2011
Durata: 1h. 34′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    D’accordo in parte con la recensione.
    Può anche assomigliare ad una telenovela la parte centrale però secondo me è stata raccontata con buon stile, facendoci entrare molto bene in simbiosi col protagonista.
    Aggiungo poi la scena della “sclerata” del prototipo veramente d’effetto in un film che fino ad allora era stato prettamente “tranquillo”.
    Comunque si, inizio interessante e finale ricco di significati, ma nel complesso lo consiglio. Anche per renderci conto di come il nostro paese è rimasto indietro rispetto agli altri.

  2. skumkyman scrive:

    Inizia come Blade Runner e finisce come Super Vicky…

  3. skumkyman scrive:

    Inizia come “Io, robot” e finisce come “Super Vicky”… il dramma é che non c’è una vera storia, nemmeno d’amore.

  4. Alberto Cassani scrive:

    Na, l’inizio di Io robot è molto più movimentato e ridicolo. Quello di Eva si può assimilare al test che si vede all’inizio di Blade Runner, solo che qui muore l’androide.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.