Stai leggendo:

"Fuga da Los Angeles" di John Carpenter

14 agosto 1996 Recensioni 0 Commenti
Fuga da Los Angeles

Uip, 20 Dicembre 1996 – Divertito

2013: per poter riottenere la libertà, Iena Plissken deve andare a Los Angeles e recuperare la figlia del Presidente, ma soprattutto un sofisticato congegno elettronico che pare capace di far ripiombare la Terra in una sorta di età della pietra, spegnendo tutti i macchinari elettronici del mondo…


Kurt Russell in Fuga da Los AngelesAspramente criticata dalla stampa statunitense e piuttosto snobbata dal pubblico di tutto il mondo, questa seconda avventura cinematografica di Iena Plissken non merita in realtà tutte le parole negative che sono state spese nei suoi confronti. E’ ovvio che non è all’altezza della prima, ma gli intenti degli autori sembrano chiari fin dalle premesse. Fuga da Los Angeles vuole essere solamente un film d’azione divertente, e questo è esattamente ciò che è: un film d’azione divertente. Un po’ improbabile, ma divertente.

Kurt Russell e Bruce Campbell in Fuga da Los AngelesPiù che un sequel, il film si direbbe un remake di 1997, con una storia estremamente simile all’originale seppur adattata ai tempi e ai luoghi. In effetti, una delle cose che avevano reso grande il primo film – anche se era un particolare di cui non ci si rendeva immediatamente conto – era proprio l’estrema attenzione con cui erano state costruite le situazioni e i personaggi secondari. Era tutto portato all’eccesso, ma era davvero New York quella da cui Iena Plissken cercava di fuggire. Allo stesso modo, questa è davvero Los Angeles: se nella Grande Mela si fa a botte e comandano i neri, nella città delle stelle si gioca a pallacanestro e comandano gli ispanici. In realtà, poi, la vicenda è ancora più radicata nei luoghi e negli usi tipici della città rispetto al prototipo, perché se la prima avventura si svolge quasi tutta di notte e in interni, qui c’è Disneyland, ci sono le mappe delle case delle star, la chirurgia plastica, Sunset Boulevard, il surf…

Valeria Golino e Kurt Russell in Fuga da Los AngelesDivertimento a parte, Fuga da Los Angeles è un film d’azione, e le scene d’azione sono appassionanti nonostante siano molto sopra le righe e la computer graphic sia davvero di basso livello. Non c’è dubbio, comunque, che gran parte della riuscita della pellicola dipenda dal carisma di Iena Plissken, ancora intatto nonostante sia «così ventesimo secolo…»

Probabilmente conoscere la città di Los Angeles aiuta a rendere più divertenti alcune sequenze, così come conoscere la filmografia di John Carpenter aiuta a capire certe sfumature (tra cui il look del cattivo, che assomiglia a Che Guevara ma arriva da Distretto 13), ma basta essere disposti ad attivare la propria sospensione dell’incredulità per riconoscere come Fuga da Los Angeles sia un film più che discreto. Un film d’azione davvero leggero, certo, ma divertente e appassionante.


La locandina di Fuga da Los AngelesTitolo: Fuga da Los Angeles (Escape from L.A.)
Regia: John Carpenter
Sceneggiatura: John Carpenter, Kurt Russel, Debra Hill
Fotografia: Gary B. Kibbe
Interpreti: Kurt Russell, Georges Corraface, Steve Buscemi, Stacy Keach, Michelle Forbes, Pam Grier, Valeria Golino, A.J. Langer, Jeff Imada, Cliff Robertson, Peter Fonda, Bruce Capbell, Ina Romero, Peter Jason, Jordan Baker, Tom McNulty, Breckin Meyer, Robert Carradine, Shelly Desai
Nazionalità: USA, 1996
Durata: 1h. 41′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.