Stai leggendo:

Gone Baby Gone di Ben Affleck

12 dicembre 2007 Recensioni 6 Commenti
Gone Baby Gone

Walt Disney, 4 Aprile 2008 – Tradizionale

Quando la piccola Amanda scompare di casa e la polizia non sembra darsi troppo da fare per ritrovarla, sua zia assume due detective privati per seguirne le tracce. Nonostante abbiano poca esperienza con questo tipo di casi, i due conoscono il brutto quartiere in cui la piccola viveva…


Casey Affleck e Michelle Monaghan in Gone Baby GoneLa pedofilia e il crescente fenomeno del rapimento di bambini negli Stati Uniti. Questi i temi scottanti di Gone Baby Gone, opera prima di Ben Affleck – il “fu” divo hollywoodiano oggi al lavoro dall’altra parte della macchina da presa. Tratto dal best seller di Dennis Lehane (lo stesso autore di Mystic River), questo film di Affleck è un thriller costruito a regola d’arte sullo sfondo della periferia di Boston.

John Ashton, Amy Ryan e Ed Harris in Gone Baby GoneSecondo le dichiarazioni del regista, Gone Baby Gone vorrebbe spingere lo spettatore, una volta uscito di sala, a riflettere sulla fragilità dei limiti tra bene e male, giusto e ingiusto, grazie a un finale “aperto”. Qualcosa però non quadra: diamo atto ad Affleck di aver evitato di fare della pedofilia il tema centrale dell’opera. Il rischio – poiché si tratta di un film di genere – era quello di cadere nel voyeurismo. Ma sugli aspetti “esistenziali” che il film dovrebbe smuovere, qualche dubbio rimane: Gone Baby Gone è un thriller costruito tradizionalmente – fatto, inchiesta, risoluzione – e privo di originalità. I buoni che diventano cattivi, i cattivi che diventano buoni (ma forse non fino in fondo): non siamo troppo lontani dalle classiche fiction televisive fatte di ribaltamenti e colpi di scena.

Morgan Freeman, Casey Affleck e Michelle Monaghan in Gone Baby GoneTutto questo risponde molto più ad un’esigenza di sceneggiatura che non ad un imperativo etico, nonostante le buone intenzioni del regista. Che ci prova, a fare l'”autore”: con la macchina da presa in spalla, la città diventa protagonista di vere e proprie sequenze documentarie, colori forti e pellicola sgranata: sicuramente tra le più belle del film. Accanto alle star – di cui vanno segnalate le ottime interpretazioni – gli attori non professionisti: i senza tetto di Boston. Ma ancora una volta, l’accostamento di genere – di per sé interessante – stride, o meglio: manca di senso. Perché in fondo l’intenzione sembra sempre quella: tenere lo spettatore attaccato alla poltrona, con il fiato sospeso. Altro che riflessione.


La locandina statunitense di Gone Baby GoneTitolo: Gone Baby Gone (Id.)
Regia: Ben Affleck
Sceneggiatura: Ben Affleck, Aaron Stockard
Fotografia: John Toll
Interpreti: Casey Affleck, Michelle Monaghan, Morgan Freeman, Ed Harris, John Ashton, Amy Ryan, Amy Madigan, Michael K. Williams, Titus Welliver, Edi Gathegi, Mark Margolis, Trudi Goodman, Madeline O’Brien, Slaine, Matthew Maher
Nazionalità: USA, 2007
Durata: 1h. 54′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 6 commenti a questo articolo:

  1. Guido scrive:

    Ho letto lodi sperticate a questo film.Peccato che il film, dopo una partenza eccellente si sfilacci progressivamente, e il finale, che vorrebbe essere ad effetto o a sorpresa, non entusiasma più di tanto. Di una cosa sono certo, del fatto che Ben Affleck ha stoffa, perché è un buon film d’esordio; inoltre già conosciamo le sue doti di sceneggiatore sopraffino-basti pensare ai dialoghi da brividi di “Will Hunting”. Aspetto con ansia “The Town” di cui già ho iniziato a leggere buone cose. // Tu alberto hai visto “Gone Baby Gone”?? Il tuo parere?? (Anche su Casey Affleck, che mi è parso molto bravo).

  2. Tommaso Tocci scrive:

    The Town non è nulla di che. Meglio questo.

  3. Andrea scrive:

    Molto carino questo film. Affleck promette bene da regista.

  4. Marci scrive:

    Ma ragazzi non c’è paragone. Questo è un filmone. The Town è una robbetta!
    La storia è bellissima, e davvero intricata.
    Il finale non vuole essere ne ad effetto ne a sorpresa secondo me. Il finale ti lascia li. Prima a chiederti cosa farà il protagonista, se scenderà a patti con la propria promessa per quello che sarebbe il “meglio per la ragazzina” e poi ti lascia li, davanti al televisore a pensare che nella vita bisogna fare delle scelte. E che quando ne fai una non puoi tornare indietro.
    Mi sarei aspettato un finale con la bambina in macchina e lui che viaggiava verso il nord ad incontrare la ragazza. Ma sarebbe stato melenso. Questo è un finale peso. Ma è un finale giusto.

  5. Marci scrive:

    voti di imdb

    gone baby gone 7.8
    the town 7.6

    sono l’unico che avrebbe dato i voti cosi?
    gone baby gone 8
    the town 6

    ?

  6. Riccardo scrive:

    @Marci
    secondo me l’Affleck regista è andando in migliorando con The Town leggermente sopra a Gone Baby Gone e Argo che li supera di una spanna buona.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.