Stai leggendo:

"Halloween" di John Carpenter

31 ottobre 2014 Recensioni 6 Commenti
Halloween - La notte delle streghe

PIC, 22 Giugno 1979 – Seminale WOW

Michael Myers era un ragazzo svuotato, che non aveva coscienza e non provava nemmeno le emozioni più rudimentali. Aveva la faccia atona, bianca, completamente spenta. E gli occhi neri, gli occhi del Diavolo. Dietro quegli occhi viveva e cresceva il Male, e oggi – 15 anni dopo – il Male è tornato a casa…


Nick Castle in Halloween - La notte delle stregheInizialmente stroncato dalla critica – che lo accusava di non far paura, di avere una trama stupida e di non nascondere la scarsità del budgetHalloween è diventato, grazie soprattutto al passaparola e a una singola recensione su Village Voice, uno dei film indipendenti più di successo nella storia del cinema statunitense. Ha dato vita a una lunga serie di sequel come di imitatori e ha praticamente inventato la carriera horror di John Carpenter, ma viene ancora oggi spesso considerato ciò che in realtà non è.

Jamie Lee Curtis con Nick Castle sullo sfondo in Halloween - La notte delle stregheIspirato allo stile di Hitchcock e del Dario Argento di Suspiria, Halloween è un horror dal ritmo lento e con pochissimo sangue, che giostra soprattutto sulla suspense per rendere la visione una vera e propria agonia invece di una sagra dello spavento. In cuor suo lo spettatore sa benissimo che prima o poi il Male colpirà, e per questo Carpenter fa durare il più possibile ogni momento di tensione: per creare una sensazione di incertezza nel pubblico, che invece vuole e voleva già all’epoca sequenze secche e rapide.

Nick Castle alle spalle di P.J. Soles in Halloween - La notte delle stregheLa violenza vera e propria esplode solo nella parte finale, quando il film incentrato fino a quel momento su personaggi e dialoghi diventa un vero e proprio inseguimento all’interno di una casa infestata. Qui, grazie a un uso un sapiente delle ottiche e degli spazi ma anche alla prima mezz’ora tutta di giorno in contrasto all’ora seguente ambientata in notturna, John Carpenter crea un’atmosfera realmente claustrofobica, esaltata dalla musica minimalista da lui stesso composta.

Donald Pleasence e Charles Cyphers in Halloween - La notte delle stregheIspirato al paziente di un istituto psichiatrico visitato da Carpenter ai tempi dell’università, Michael Myers indossa una maschera del Capitano Kirk modificata per sconvolgere un universo filmico popolato quasi esclusivamente da teenager che hanno altro per la testa che non guardarsi le spalle. In questo si può quasi dire che quello di Halloween è un racconto morale, teso a illustrare quanto il mondo sia un posto cattivo, in cui per sopravvivere bisogna prestare attenzione ma in cui non si può vincere. Come suggerito dall’inquietante montaggio finale, il Male si nasconde ovunque, e non può essere fermato.


La locandina statunitense di Halloween - La notte delle stregheTitolo: Halloween – La notte delle streghe (Halloween)
Regia: John Carpenter
Sceneggiatura: John Carpenter, Debra Hill
Fotografia: Dean Cundey
Interpreti: Donald Pleasence, Jamie Lee Curtis, Nancy Loomis, P.J. Soles, Charles Cyphers, Kyle Richards, Brian Andrews, John Michael Graham, Nancy Stephens, Arthur Malet, Mickey Yablans, Brent Lee Page, Adam Hollander, Robert Phalen, Tony Moran, Will Sandin, Nick Castle
Nazionalità: USA, 1978
Durata: 1h. 31′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 6 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Da prendere come esempio di studio su come riuscir a creare la vera tensione crescente in un film.

    Eccellente.
    A real masterpiece!

  2. Riccardo scrive:

    Trama banalissima, ma dal punto di vista registico, della tensione e del pathos non c’è nulla da dire: è eccellente. Pur riconoscendo l’importanza che ha avuto sul genere e pur essendo una delle pietre miliari di Carpenter (che adoro), gli preferisco di gran lunga The Thing o 1997

  3. Alberto Cassani scrive:

    E’ chiaro che “La Cosa” e “1997” sono complessivamente migliori, ma hanno anche un budget e intenzioni molto più alte. “Halloween” è un film messo insieme con quattro soldi da un gruppo di ragazzi alla prima esperienza, ma a parte un paio di ingenuità di sceneggiatura e di regia è la summa di ciò che un film di questo genere deve fare.

  4. Plissken scrive:

    Bella recensione, che si palesa di “stellare” natura, sterile soggiungere l’addirittura.

    Per quanto anch’io gli preferisca i citati cult e “il seme della follia” non posso che inchinarmi nel pensare come Carpenter sia riuscito con pochi mezzi appunto a creare quello che giustamente si può intendere come archetipo di un intero genere.

  5. stefano scrive:

    Assieme a ‘The Fog’ il capolavoro di Carpenter, per quanto mi riguarda, colonne sonore comprese. Riduttivo, dal mio punto di vista, catalogarlo in uno specifico ‘genere’, considerato appunto – come già detto da altri – il risultato ottenuto con la scarsità delle risorse disponibili. Necessità fa virtù, come si suol dire.

  6. Alberto Cassani scrive:

    Stefano, è vero che l’importanza di “Halloween” trascende il genere e riguarda tutta la storia della Hollywood recente, perché dal punto di vista cinematografico non si può non considerarlo un horror: chi non ama questo genere lo odierà con tutto il cuore, proprio perché dal punto di vista dello scopo finale è perfettamente inserito nel genere.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.