Stai leggendo:

"Il cittadino onorario" di Gastón Duprat & Mariano Cohn

6 settembre 2016 Recensioni 0 Commenti
Il cittadino onorario

Walt Disney, 8 Settembre 2016 – Memorabile

Da ormai più di trent’anni il Premio Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani non fa ritorno a Salas, il piccolo paese nella provincia di Buenos Aires in cui nacque. L’invito a ricevere la medaglia di Cittadino Onorario sarà un’occasione per riportare alla luce il passato da cui ha voluto a tutti i costi fuggire…


Verso la fine di Il cittadino onorario, ultimo lavoro dell’ormai consolidato duo Gastón Duprat e Mariano Cohn (L’Artista) e presentato nella sezione del concorso ufficiale di Venezia73, un giornalista chiede al Premio Nobel Daniele Mantovani se quanto scritto nel suo ultimo romanzo sia tratto da una storia vera. Mantovani risponde così: “che importanza ha se quello che si scrive in un libro sia realtà o frutto dell’immaginazione? È su questo quesito che Duprat e Cohn costruiscono una storia commovente, sorretta da una sceneggiatura scritta con grande intelligenza e diretta con uno stile delicato la cui magia rimane impressa ben oltre i 118 minuti del lungometraggio. Il cittadino onorario è il ritratto di un uomo ma anche e soprattutto della sua arte, un manifesto della forza della letteratura e delle diverse funzioni che ricopre agli occhi di chi scrive e di chi legge.

Dopo essere arrivato a Salas e portato in trionfo sul camion dei pompieri con tanto di sirene spiegate e di reginetta di bellezza al fianco, Mantovani rilascia un’intervista alla Tv locale, e quando il presentatore chiede in che cosa consista il mestiere dello scrittore il premio Nobel risponde che uno scrittore scrive per aggiungere qualcosa al mondo in cui vive. Eppure gli abitanti di Salas sembrano pensarla diversamente. Le passeggiate di Mantovani per il paese vengono interrotte costantemente da chi gli chiede di confermare l’identità e l’ubicazione delle persone e dei luoghi che hanno fatto da ispirazione alle sue storie che lo scrittore ha ambientato nella cittadina. Mantovani ripete che il suo lavoro è pura finzione, ma la risposta non soddisfa nessuno. Se per il premio Nobel la scrittura è un mezzo per modificare il proprio mondo, per i suoi lettori sembra svolgere una funzione diversa: quella di consegnare la piccola Salas e i suoi abitanti all’eternità.

È la scrittura, e non Mantovani, a essere la protagonista assoluta di Il cittadino onorario. Duprat e Cohn dirigono un dramma raffinato e intelligente, che passa da momenti di ironia a scene struggenti dove lo scrittore capirà di non poter mai appartenere al posto in cui è nato. Un film che trae la sua forza sia dal dramma personale del suo protagonista sia dal dibattito che nascerà tra lo scrittore e i suoi lettori sul senso dello scrivere. Il cittadino onorario è una delle più belle soprese del Festival di Venezia 2016. La speranza è che la giuria offra all’ultimo lavoro di Duprat e Cohn il riconoscimento che gli spetta.


La locandinaTitolo: Il cittadino onorario (El ciudadano ilustre)
Regia: Gastón Duprat, Mariano Cohn
Sceneggiatura: Andrés Duprat
Fotografia: Mariano Cohn, Gastón Duprat
Interpreti: Oscar Martínez, Dady Brieva, Andrea Frigerio, Nora Navas, Manuel Vicente, Belén Chavanne, Gustavo Garzón, Julián Larquier, Emma Rivera
Nazionalità: Argentina – Spagna, 2016
Durata: 1h. 58′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre