Stai leggendo:

"Il Re Scorpione" di Chuck Russell

5 maggio 2002 Recensioni 3 Commenti
Francesco Puglisi, 5 Maggio 2002: Noioso
Uip, 24 Aprile 2002

In un tempo lontano, prima delle piramidi, un tiranno vuole distruggere le poche tribù nomadi che ancora gli resistono per proclamarsi finalmente Re. All’aitante Mathayus viene affidato il compito di uccidere lo stregone le cui magie rendono il tiranno invincibile, ma lo stregone si rivelerà una bellissima ragazza…


In un tempo lontano, prima delle piramidi, il perfido Mennon (Steven Brand) grazie all’aiuto di uno stregone, vince ogni battaglia che provoca ed è ad un passo dall’auto proclamarsi Re, se non fosse per Mathayus (Dwayne “The Rock” Johnson), incaricato di uccidere il vero artefice dei suoi successi. Peccato che lo stregone sia una lei, Cassandra (Kelly Hu), e che l’accadico invece di ammazzarla la rapisce e se ne innamora, finendo poi per cambiare le sorti di un popolo e diventare Re.

Alcuni hanno tirato in ballo persino la saga di Star Wars, per il semplice fatto che ci si ritrova davanti ad un prequel… non si poteva fare un paragone più sbagliato! Il film è un inutile salto indietro nella storia della Mummia, che non presenta tra l’altro alcun tipo di rimando o collegamento (a parte il protagonista) con gli altri film, diretto da Chuck Russell e scritto tra gli altri da quel genio di Stephen Sommers.

La sceneggiatura è pessima: noiosa nel suo scontatissimo svolgimento e fastidiosa quando pesca a piene mani dal cinema del passato con una serie di citazioni che mostrano il bassissimo livello d’inventiva dell’autore. Un esempio per tutti, quando “The Rock” utilizza il grande gong come scudo per salvarsi, scena scopiazzata da Indiana Jones e il tempio maledetto. Inutili tentativi di ironia, dialoghi e situazioni imbarazzanti e una storia tirata tanto per le lunghe quando la soluzione finale è quella più ovvia.

Gli attori sono sconfortanti, “The Rock” recita tenendo fede al suo soprannome e non mostra mai più di due espressioni facciali per volta (peggio di Steven Seagal), Michael Clarke Duncan oltre ad essere truccato male è sprecato, così come l’unica a provocare un minimo di interesse, cioè la protagonista femminile Kelly Hu.

Regia piatta, anche se ha il “merito” di non strafare con gli effetti speciali, e una colonna sonora a base di rock che mostra la palese intenzione con la quale è stato realizzato il film: solo per i soldi. Questo non è cinema.


Titolo: Il Re Scorpione (The Scorpion King)
Regia: Chuck Russell
Sceneggiatura: David Hayter, Will Osborne, Stephen Sommers
Fotografia: John R. Leonetti
Interpreti: Dwayne “The Rock” Johnson, Steven Brand, Kelly Hu, Michael Clarke Duncan, Bernard Hill, Grant Heslov, Peter Facinelli, Ralph Moeller, Roger Rees, Sherri Howard, Conrad Roberts, Joseph Ruskin, Branscombe Richmond
Nazionalità: USA, 2001
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Puah, sembra quasi un CONAN IL BARBARO, più infantile e fatto male.

  2. Edoardo scrive:

    Molto più infantile,noiosissimo come film,non lo si regge per 1 ora e 40! Pessime le interpretazioni degli attori,The Rock in primis.

  3. Marco scrive:

    Condivido appieno il vostro disappunto!

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre