Stai leggendo:

"Il vedovo" di Dino Risi

9 dicembre 2014 Recensioni 1 Commento
Il vedovo

Cino Del Duca, 1959 – Frizzante

Un fanfarone spiantato e incapace ha sposato una donna ricchissima. Quando lei viene data per morta, in seguito ad un incidente, la sua vita sembra avere una svolta; ma quando lei ricompare lui decide di ucciderla. Il piano, elaborato con alcuni collaboratori, sembra perfetto ma…


Franca Valeri e Alberto Sordi in Il vedovoIl vedovo appartiene a quella schiera di film italiani del passato che non sono passati alla storia del cinema. Appartiene però anche a quella schiera di commedie geniali che hanno fatto dell’industria cinematografica italiana una delle più forti di quegli anni. Caustico nella rappresentazione della società bene e degli industriali milanesi del periodo (ma a quanto pare nulla è cambiato), Il vedovo prima che una commedia è una satira che sintetizza perfettamente la situazione dell’industria e della società italiana del secondo dopoguerra.

Eleonora Ruffo e Alberto Sordi in Il vedovoI riferimenti alla guerra e al Duce ci sono, quasi un fuoco che cova sotto le ceneri (o le macerie) sulle quali sono costruite le carriere degli arrivisti e arrivati imprenditori. Il microcosmo descritto da Risi, pur comprendendo una manciata di personaggi, è rappresentativo di tutta l’emergente industria milanese dell’epoca. E il ritratto che ne esce non è lusinghiero: nessuno si salva. I personaggi positivi latitano, e quando ci sono sono succubi di Nardi che è “arrivato” non grazie alle capacità, che non ha, ma grazie al matrimonio e alla sua parlantina, con la quale riesce ad aggirare gli ostacoli (ma non a saltarli). Tutti i personaggi sono connotati negativamente: da Nardi stesso alla moglie agli altri industriali, ma anche, seppur in modo diverso, l’amante e la sua famiglia e i principali dipendenti (e complici) di Nardi. La grandezza della sceneggiatura sta proprio nel far apparire positivo, o quantomeno “meno negativo”, un bugiardo incapace e criminale come il protagonista.

Franca Valeri e Alberto Sordi in una scena di Il vedovoMa Il vedovo non sarebbe un buon film senza gli attori. Alberto Sordi è meraviglioso nel ruolo del protagonista, ma la scelta geniale del casting è Franca Valeri in quello della moglie perfida: senza di lei il film non funzionerebbe. La scena in cui “ricompare” vale da sola la visione (per quanto anche la scena della pelliccia…) e ben presto si arriva a sperare in una scena con la sua presenza per godere della sadica cattiveria con cui umilia il marito. Il contrappasso tra il ciarliero e fumoso Nardi e la spietata e concreta Almiraghi è la ciliegina sulla torta.

Diretto con polso fermo da Risi e scritto dallo stesso regista con altri quattro professionisti, Il vedovo è un film divertente e ritmato, ottimo prototipo della migliore commedia italiana.


La locandina di Il vedovoTitolo: Il vedovo
Regia: Dino Risi
Sceneggiatura: Rodolfo Sonego, Fabio Carpi, Sandro Continenza, Dino Verde, Dino Risi
Fotografia: Luciano Trasatti
Interpreti: Alberto Sordi, Franca Valeri, Livio Lorenzon, Nando Bruno, Ruggero Marchi, Gastone Bettanini, Mario Passante, Enzo Petito, Nanda Primavera, Rosita Pisano, Alberto Rabagliati, Eleonora Ruffo
Nazionalità: Italia, 1959
Durata: 1h. 27′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Plissken scrive:

    Una delle mie commedie preferite in assoluto, bellissima. Concordo con la recensione, aggiungerei che oltre all’immensa Valeri ed ovviamente Sordi anche il resto del cast lavora a livelli altissimi. La regia anche a mio personale avviso risulta ineccepibile.

    Dovrebbero farlo studiare ai registi e sceneggiatori di nuova generazione, al fine di insegnare come dev’essere fatta una Commedia con la “c” maiuscola.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.