Stai leggendo:

In guerra di Stéphane Brizé

5 dicembre 2018 Recensioni 0 Commenti
In guerra

Academy Two, 15 Novembre 2018 – Battagliero

Una fabbrica francese sta per essere chiusa dalla multinazionale tedesca cui appartiene, lasciando senza lavoro 1.100 persone. Gli operai scioperano a oltranza, bloccando la produzione, mentre i sindacati si sforzano di trovare una soluzione, dialogando con la direzione e con il governo, disposto a fare da intermediario…


Tre anni dopo l’intenso La legge del mercato, il regista francese Stéphane Brizé affronta nuovamente il tema della precarietà del lavoro nella società moderna, nel suo ultimo film In guerra, che già dal titolo lascia presagire lo spirito battagliero che lo pervade. In questo caso, però, Brizé lo racconta da un’angolatura diversa: non è più il singolo in difficoltà che è costretto a compromessi che collidono con il proprio senso etico, ma un collettivo che lotta strenuamente sia per non restare senza lavoro, sia perché le promesse fatte siano rispettate.

Brizé ha girato In guerra con uno stile quasi documentaristico, in cui la sua presa di posizione è chiara. Lo si può definire un film militante alla stregua di alcune pellicole di Ken Loach come In questo mondo libero…, perché fa riflettere e scuote le coscienze trattando un tema di grande attualità cui è impossibile restare indifferenti. La macchina da presa filma la protesta dei lavoratori, i picchetti, le riunioni tra i rappresentanti sindacali e i dirigenti, in un crescendo di tensione e un senso di claustrofobia soffocante, in cui tutti gridano e si parlano addosso, ma l’incomunicabilità regna sovrana e non c’è via di uscita.

Accompagnato da una colonna sonora incalzante e girato con un ritmo serrato che non dà un attimo di tregua, In guerra è un film coinvolgente, sia per l’argomento trattato, sia per uno stile narrativo trascinante, che porta gli spettatori tra i manifestanti, permettendo loro di percepirne rabbia, paura e delusioni. A tutto questo si aggiunge la vigorosa interpretazione di Vincent Lindon, davvero credibile nel ruolo dell’operaio e rappresentante sindacale combattivo, fedele ai suoi ideali sino alla fine.


La locandinaTitolo: In guerra (En guerre)
Regia: Stéphane Brizé
Sceneggiatura: Stéphane Brizé, Olivier Gorce
Fotografia: Eric Dumont
Interpreti: Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie, David Rey, Olivier Lemaire, Isabelle Rufin, Bruno Bourthol, Sébastien Vamelle, Jean-Noel Tronc, Valérie Lamond, Guillaume Daret, Jean Grosset, Frédéric Lacomare, Anthony Pitalier, Séverine Charrie
Nazionalità: Francia, 2018
Durata: 1h. 53′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].