Stai leggendo:

"Jack Ryan - L'iniziazione" di Kenneth Branagh

28 aprile 2015 Recensioni 0 Commenti
Jack Ryan - L'iniziazione

Disponibile in home-video – Spocchioso

Jack Ryan è un brillante studente di economia. Dopo l’11 settembre decide di arruolarsi: salva la vita a due commilitoni ma rimane gravemente ferito. Una volta ripresosi dall’infortunio, comincia a lavorare come analista a Wall Street e sotto copertura per la CIA. Viene spedito a Mosca per dei controlli…


Chris Pine in una scena di Jack Ryan - L'iniziazioneIl messaggio che passa, per gran parte del film, è qualcosa che assomiglia molto a «Io ho diretto Enrico V e Amleto, Frankenstein e Il flauto magico. Quanto potrà mai essere difficile dirigere un film d’azione?» Non che questo Jack Ryan – L’iniziazione sia brutto o fatto male o sciatto, tutt’altro; ma pecca davvero di spocchia. C’è una sola inquadratura davvero originale e arriva a pochissimi minuti dalla fine. Tutto il resto è già visto, e non solo da un punto di vista della storia – che sembra presa di peso da Mission Impossible con una spruzzata di 007 e un’infusione di Die Hard – ma soprattutto nella resa visiva e nelle scelte registiche. Branagh sembra sempre girare con la mano sinistra: ogni inquadratura è prevedibile, ogni espediente per aumentare la tensione, per quanto usato ad arte, è lì, esattamente dove ci aspettiamo che sia.

Kenneth Branagh in Jack Ryan - L'iniziazioneUn film, fortunatamente, non è fatto solo di regia. Se guardiamo agli altri comparti vediamo un film onesto: Chris Pine è bravo, credibile sia come analista che come marine che come uomo sotto copertura; Kevin Costner si sta reinventando una seconda carriera come caratterista di lusso, mentre a Branagh – attore di razza – basta guardare dritto in camera per esprimere tutta una gamma di emozioni. In tutto questo, Keira Knightley è forse quella meno a suo agio nonostante reciti un ruolo senza particolari difficoltà e abbastanza simile a quello di Jamie Lee Curtis in True Lies, ma va detto a sua discolpa che è costretta a recitare una delle scene più infami della storia del cinema recente: sorride e abbraccia il suo fidanzato, sollevata dal fatto che non abbia un amante ma lavori sotto copertura per la CIA.

Chris Pine e Kevin Costner in Jack Ryan - L'iniziazioneSenza eccellere davvero in nulla, ma senza essere completamente fallimentare, Jack Ryan – L’iniziazione risulta essere un anonimo film d’azione senza infamia e senza lode, buono per passare una serata disimpegnata davanti alla Tv (in Italia è stato distribuito direttamente in home-video). Francamente da Branagh, che aveva fatto un ottimo lavoro su Thor, ci si aspettava qualcosa di più.


La locandina di Jack Ryan - L'iniziazioneTitolo: Jack Ryan – L’iniziazione (Jack Ryan: Shadow Recruit)
Regia: Kenneth Branagh
Sceneggiatura: Adam Cozad, David Koepp
Fotografia: Haris Zambarloukos
Interpreti: Chris Pine, Keira Knightley, Kevin Costner, Kenneth Branagh, Lenn Kudrjawizki, Alec Utgoff, Peter Andersson, Elena Velikanova, Nonso Anozie, Seth Ayott, Colm Feore, Gemma Chan, Aleksandar Aleksiev
Nazionalità: USA – Russia, 2014
Durata: 1h. 45′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre