Stai leggendo:

"La fabbrica di cioccolato" di Tim Burton

25 settembre 2005 Recensioni 1 Commento
La fabbrica di cioccolato

Warner, 23 Settembre 2005 – Meraviglioso

Un giorno, dopo un lungo isolamento, Willy Wonka indice un concorso: in cinque delle sue migliaia di tavolette di cioccolato si trovano dei Biglietti d’Oro che daranno diritto a cinque ragazzini di passare un’intera giornata nella misteriosa e famosissima Fabbrica di Cioccolato, accompagnato da un parente…


Johnny Depp in La fabbrica di cioccolatoLa fabbrica di cioccolato, la più recente fatica di Tim Burton, è tratto dal romanzo di Roald Dahl che grande successo ha ottenuto nel mondo anglosassone ed aveva già avuto una trasposizione cinematografica nel 1971 con Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato.

Tim Burton ha confezionato un film semplicemente meraviglioso. Solo lui, con il suo originalissimo genio visionario, poteva riuscire nell’incredibile impresa di ricreare il fantastico mondo della Fabbrica e il suo pazzesco direttore. Come sempre, Burton riesce a mantenere quel sottilissimo e delicato equilibrio tra commozione, fantastico, elementi disgustosi, ironia, fantasia e quant’altro, senza mai finire in balia di nessuna di queste caratteristiche. Lo spettatore percorre, assieme ai piccoli protagonisti, una specie di Inferno dantesco della Fantasia, nel quale ogni protagonista si troverà a fare i conti con i propri difetti: ambizione, violenza, golosità, presunzione… alla fine ognuno di loro imparerà qualcosa di importante, e noi con loro.

Freddie Highmore in La fabbrica di cioccolatoOttima la capacità di Burton di parlare di bontà, amore, padri e figli, sacrificio, lealtà e di tutti i loro opposti senza mai cadere nei luoghi comuni tanto ripetuti al cinema, ed alternandovi momenti davvero esilaranti. Non si può restare indifferenti davanti alle mille interpretazioni degli Umpa Lumpa, ai loro numeri da musical, agli scoiattoli cernitori di noci, alle terribili punizioni per le piccole pesti ed i loro parenti, antipatici quanto loro. Un cenno a parte meritano le numerosissime citazioni cinematografiche, da Edward mani di forbice, a Psyco agli straordinari rimandi a 2001 Odissea nello Spazio.

Una scena di La fabbrica di cioccolatoDal punto di vista tecnico ottimi tutti, sia gli attori – grandi e piccoli – su cui troneggia assoluto Johnny Depp, sia il cast tecnico; deliziosi gli stacchetti musicali, perfettamente scanditi i tempi filmici, da capogiro le riprese. Insomma non perdetevelo, e non fatelo perdere ai vostri bambini che, anche se non saranno in grado di cogliere tutte le sottili sfumature del film, si divertiranno certamente a seguire la divertente, ma anche significativa vicenda di Charlie e della sua avventura nella fabbrica di cioccolato di Willy Wonka.


La locandina di La fabbrica di cioccolatoTitolo: La fabbrica di cioccolato (Charlie and the Chocolate Factory)
Regia: Tim Burton
Sceneggiatura: John August
Fotografia: Philippe Rousselot
Interpreti: Johnny Depp, Freddie Highmore, David Kelly, Helena Bonham Carter, Noah Taylor, Missi Pyle, James Fox, Deep Roy, Christopher Lee, Annasophia Robb, Adam Godley
Nazionalità: USA, 2005
Durata: 1h. 54′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Concordo con la recensione. E’ sempre una gioia rivederlo. Buonissima regia di Burton.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre