Stai leggendo:

"La giusta distanza" di Carlo Mazzacurati

27 dicembre 2007 Recensioni 0 Commenti
CineFile

01 Distribution, 20 Ottobre 2007 – Concreto

Un giovane meccanico tunisino vive la sua vita tranquilla in una cittadina del nord-est. Una giovane insegnante è stata trasferita da poco e un ragazzo sogna comincia a lavorare per il quotidiano locale. I destini di queste tre persone si intrecciano sullo sfondo di una cittadina del Nord Est…


Una scena di La giusta distanzaConcreto e persuasivo l’ultimo film di Carlo Mazzacurati La giusta distanza, in concorso alla seconda Festa del Cinema di Roma. Dopo Notte italiana, L’amore ritrovato e il remake di A cavallo della tigre, il regista padovano ha scelto Concadalbero, un paesino immaginario alle foci del Po, come ambientazione del suo nuovo film. I ripetuti campi lunghissimi sul verde rigoglioso della pianura padana si accorciano gradatamente per esplorare gli angoli nascosti di un paese di provincia dove persone “normali” vivono indisturbate. Un setting che sembra essere stato prelevato direttamente da uno dei tanti servizi di cronaca che affollano i telegiornali. E, fino a prova contraria, il film è un ritratto, a tratti pittoresco, di quel microcosmo di vita italiana che tanto soddisfa la fame di giornalisti, rubriche e talk show quando qualcosa di insolito lo scuote.

Giovanni Capovilla in La giusta distanzaFra i personaggi c’è il tabaccaio (Giuseppe Battiston) sposato ad una rumena, il tunisino che gestisce un’officina (Ahmed Hafiene), il giovane autista di autobus (Stefano Scandaletti) che sposa l’estetista, cinesi arrestati per lavoro nero e la maestra toscana (Valentina Lodovini) che irrompe nel paese per sconvolgere gli animi dei più solitari. Si ha l’impressione di essere davanti a delle icone, a dei “tipi” studiati alla perfezione, che tuttavia riconosciamo come reali ed autentici. Ed è proprio questo il terreno adatto per accogliere il dibattito sulla verità e la coerenza, concetti che, nel panorama italiano, si presentano sempre meno come iponimi della parola “giustizia”.

Giuseppe Battiston e Valentina Lodovini in La giusta distanzaMazzacurati vede la “giusta distanza” insidiarsi fra gli abitanti del paese quando la storia di passione fra due dei protagonisti si trasforma in un giallo da risolvere. Ma c’è anche chi alla ‘regola della giusta distanza’ si deve attenere per mestiere: un diciottenne che inizia a lavorare come giornalista (Giovanni Capovilla). Il suo mentore Bencivenga (Fabrizio Bentivoglio) gli insegna a tenere l’opportuno distacco dai fatti perché «se il giornalista si perde nelle emozioni è fritto». Eppure, sarà solo trasgredendo a questa regola che il giovane riuscirà a strappare la rete delle sorti previste, che soffoca e mina la giustizia italiana.

Valentina Lodovini e Ahmed Hafiene in La giusta distanzaCon La giusta distanza, Mazzacurati porta sullo schermo degli equilibri calibrati al centimetro, da riscontrarsi sia nel giusto mix di attori professionisti ed esordienti, sia nella continuità armoniosa fra le due parti del film. Reduci dall’altrettanto recente La ragazza del lago di Andrea Molaioli, il paragone è inevitabile. Dal lago alla pianura, si scoprono i volti e gli intrecci di vite comuni, la quale tangibilità prende forma nelle interpretazioni di attori che parlano con accenti locali, non contaminati dalle scuole di dizione. Se Molaioli si concentra maggiormente sulla corsa al colpevole di un omicidio, Mazzacurati riesce a fare un passo avanti, portando la macchina da presa ad indagare il retroscena attuale di un delitto che affoga nella contraddizione e che, solo per un caso fortuito, trova la giusta risoluzione. E’ forse su quel “fortuito” che il regista si sofferma per dare voce ai tanti interrogativi che potrebbero accorciare la “distanza” fra i comuni cittadini italiani e gli intricati labirinti del potere e dell’informazione.


La locandina di La giusta distanzaTitolo: La giusta distanza
Regia: Carlo Mazzacurati
Sceneggiatura: Doriana Leondeff, Carlo Mazzacurati, Marco Pettenello, Claudio Piersanti
Fotografia: Luca Bigazzi
Interpreti: iovanni Capovilla, Valentina Lodovini, Ahmed Hafiene, Giuseppe Battiston, Roberto Abbiati, Natalino Balasso, Fabrizio Bentivoglio, Ivano Marescotti
Nazionalità: Italia, 2007
Durata: 1h. 48′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre