Stai leggendo:

"La signora della notte" di Piero Schivazappa

23 febbraio 2008 Recensioni 2 Commenti
La signora della notte

Medusa, 1986 – Ridicolo

Una sera un’insegnante di aerobica viene violentata nell’atrio del palazzo dove vive. Decide di non dire niente a nessuno, nemmeno al marito, ma quel momento le diventa sempre più difficile controllare la sua sessualità, e il suo rapporto con gli uomini cambia totalmente…


Serena Grandi in La signora della notteSimona è un’insegnante di aerobica innamoratissima di suo marito. Una notte, mentre porta a spasso il cane, viene aggredita e violentata nell’atrio del palazzo dove vive, e ne trae un inaspettato piacere. Sconvolta dalla sua reazione più che dall’aggressione vera e propria, decide di non dire nulla a nessuno, marito compreso. Da quel momento, per lei diventa sempre più difficile controllare la propria sessualità, diventa sempre più difficile rifiutare le tante avance che riceve dagli uomini. Finisce anzi per provocare e incoraggiare, forse inconsapevolmente, dei perfetti sconosciuti…

Serena Grandi in La signora della notteLa prima scena ci presenta Serena Grandi e Fabio Sartor mentre fanno l’amore in automobile. Nella seconda la Grandi scende dal letto matrimoniale e si mostra in un nudo integrale, seppure in penombra. Pochi minuti dopo arriva il secondo nudo integrale, stavolta in piena luce, con conseguente rapporto sessuale. Altri ne seguiranno, di nudi e di rapporti, perché è chiaro fin dalle premesse che questo film non è niente più che un pretesto per mostrare il corpo dell’ex Miranda, che lei offre con generosità ben sapendo qual era il suo ruolo nel cinema italiano di quel periodo.

Serena Grandi in La signora della notteNon fosse già abbastanza la ben poco brillante trama – che al giorno d’oggi potrebbe sì e no dar vita ad una serie di film pornografici – Schivazappa la condisce con dialoghi da telenovela brasiliana, schiaffoni alla Bud Spencer, scene al limite del risibile, musiche dei fratelli De Angelis, una regia statica e una direzione d’attori da sagra paesana. E alla fine è difficile dire se sia più triste il cameo di Tiberio Mitri o la fellatio al fucile. Ma non c’è dubbio che chi guarda il film per il corpo di Serena Grandi rimarrà soddisfatto.


La locandina di La signora della notteTitolo: La signora della notte
Regia: Piero Schivazappa
Sceneggiatura: Galliano Juso, Piero Schivazappa
Fotografia: Giuseppe Ruzzolini
Interpreti: Serena Grandi, Fabio Sartor, Francesca Topi, Alberto Di Stasio, Emanuela Taschini, Stanko Molnar, Tiberio Mitri, Sergio Guidi, Maurizio Rocchi, Francesca Topi, Andrina Tomada, Emma Gugliotta, Lella Giacomini, Mario Donatone
Nazionalità: Italia, 1986
Durata: 1h. 33′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. mayra scrive:

    senza vergogna poi va in tele a fare il pianto in faccia ha il travertino!!!!

  2. Alberto Cassani scrive:

    Ne approfitto per dichiarare ufficialmente che questa è la recensione più letta di tutto il sito, da quando è on-line la versione attuale.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.