Stai leggendo:

"Nuovomondo" di Emanuele Crialese

9 settembre 2006 Recensioni 0 Commenti
Nuovomondo

01 Distribution, 22 Settembre 2006 – Trascinante WOW

Agli inizi del Novecento gli Stati Uniti sono il Nuovo Mondo, una terra sconosciuta dove scorrono fiumi di latte e i soldi crescono sugli alberi. Ma è una terra lontana, e ci vuole coraggio per Sicilia per attraversare l’Oceano a cercar fortuna. Solo quando riceve un segno divino, Salvatore Mancuso decide di intraprendere il viaggio…


Una scena di NuovomondoAlle volte capita – in rarissimi casi – di lasciarsi trascinare completamente dallo spettacolo cinematografico cui si sta assistendo eppure rendersi perfettamente conto della grandezza – della bellezza – di ciò che si sta vedendo. Nuovomondo è uno di questi rari casi, e fa particolarmente piacere che si tratti di un film italiano; un film diretto da un regista in fondo di poca esperienza ma dalle grandi capacità, che aveva già saputo spezzare molti cuori quattro anni fa e che qui conferma in pieno tutto il suo talento, mettendolo al servizio di una storia più impegnativa, ricca di suggestioni e riferimenti, raccontandocela in maniera travolgente e poetica.

Vincenzo Amato in NuovomondoSfruttando al meglio un cast che mescola qualche volto noto ad attori sconosciuti e a un’attrice dalla classe straordinaria come Charlotte Gainsbourg, Crialese racconta con la giusta forza l’odissea degli emigranti di cent’anni fa. Con la giusta forza e con il giusto stile, perché se è vero che il viaggio si sarebbe anche potuto raccontare in maniera più dura e “sporca”, in questo modo il film ripropone in pieno la dignità che quei contadini del Sud avevano dentro di loro. «Dobbiamo arrivare nel Nuovo Mondo vestiti da Signori», dice Salvatore ai suoi figli, e non a caso una volta arrivato a New York è proprio lui a mettersi a discutere con le autorità. Pur conscio di essere un poveraccio analfabeta, sa di essere moralmente un grand’uomo e sa di portare dentro di sé qualcosa di speciale che gli statunitensi non hanno. E che forse una donna inglese ha invece visto.

Charlotte Gainsbourg in NuovomondoTra balletti virtuali, sequenze oniriche e dialoghi secchi e puntuali, Crialese ci porta a scuola di cinema in ogni singola scena. La partenza che divide in due il mare di persone, il gioco di sguardi sul ponte della nave, o anche il bagno nel latte e i test attitudinali, sono momenti che sanno toccare il cuore come la mente dello spettatore, ma che non vanno mai a discapito del realismo di storia e personaggi. Lo stile, infatti, non appare mai fine a se stesso, e anzi è parte integrante nel rendere appieno la poesia del sogno che anima i personaggi. E questa poesia sa emozionare come mille parole non potrebbero mai, perché anche se sappiamo che quel viaggio ben difficilmente potrà portar fortuna, non possiamo non condividere il sogno così come Crialese ce lo racconta, facendo tra l’altro degli stereotipi la propria forza a livello di sceneggiatura. Il risultato è probabilmente il più bel film italiano degli ultimi dieci anni.

Presentato come ultimo film in concorso al Festival di Venezia 2006, Nuovomondo è stato accolto al Lido in maniera entusiasta dal pubblico e dalla stampa estera, e in modo decisamente più freddo da quella italiana. Ma non scherziamo, questo è un capolavoro. Come ce ne sono pochi.


La locandina di NuovomondoTitolo: Nuovomondo – The Golden Door
Regia: Emanuele Crialese
Sceneggiatura: Emanuele Crialese
Fotografia: Agnès Godard
Interpreti: Charlotte Gainsbourg, Vincenzo Amato, Aurora Quattrocchi, Francesco Casisa, Filippo Pucillo, Federica de Cola, Isabella Ragonese, Vincent Schiavelli, Ernesto Mahieux, Andrea Prodan, Filippo Pucillo
Nazionalità: Italia – Francia, 2006
Durata: 1h. 52′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.