Stai leggendo:

Soundtrack: "A Single Man" di Abel Korzienowski & Shigeru Umebayashi

1 marzo 2010 Soundtrack 0 Commenti
Valentina Alfonsi, 12 Febbraio 2010: * * * ½
In collaborazione con Colonne Sonore

Esordio alla regia dello stilista Tom Ford, A Single Man si avvale della commistione dei lavori del compositore polacco Abel Korzienowski con quelli del musicista gioapponese Shigeru Umebayashi. Il risultato è un mix perfettamente adatto alla pellicola diretta da Ford…


Dimostra coraggio lo stilista Tom Ford nell’esordire al cinema con una tragedia intima – tratta dal romanzo omonimo di Isherwood – che diventa poema addolorato sull’impossibile sopportazione della solitudine, della sofferenza di un rapporto d’amore strappato dalla morte. Sceneggiatura appassionata e sincera, quella di A Single Man, e messa in scena che tende – a tratti in maniera fin troppo stucchevole – a una sostante eleganza formale e ad una sottolineata ricercatezza estetica. A legare slancio emotivo e cura estenuante del dettaglio, una colonna sonora massimalista che si arrampica con vigore sulle strade (non nuove, certamente) del melodramma esistenziale e amoroso. Ad affiancare Abel Korzienowski (compositore polacco, ha collaborato in passato con Jerzy Stuhr), accreditato come autore della maggior parte delle tracce, c’è Shigeru Umebayashi, noto non a caso per aver dato voce musicale agli strazi romantici di Wong Kar Wai in In the Mood for Love e 2046.

La magniloquenza avvolgente dello score è subito evidente nell’Opening Title: sono gli archi a primeggiare nell’intera partitura, spesso dolenti e dolci, come in Stillness of the Mind, bellissima traccia, costruita su un ritmo ondulatorio, piangente, e dal titolo oltretutto molto significativo: in A Single Man lo sguardo di Ford e dei suoi compositori è certamente più attento agli stati emotivi che non alle azioni. Archi protagonisti anche in Snow, nel quale si articolano due linee sovrapposte, una più libera e melodica, l’altra ritmica e compressa, e nella vivacità triste di Daydreams. Pianoforte in primo piano, invece, in Becoming George, uno dei brani più raccolti, che annega in un’angoscia persistente, come fosse una richiesta d’aiuto. Potente, infine, Clock Tick, costruita, come da titolo, sullo scorrere carico d’ansia del tempo che ormai si avvia alla sua chiusura. Il contributo di Umebayashi si concentra su poche tracce, in particolare il George Waltz, sviluppato in due parti, che nella sua intensità assorta sembra toccare sonorità sacre, quasi liturgiche, e la breve e impetuosa Carlos.

Di compattezza e pertinenza inattaccabili, la colonna sonora è perfetta compagna del delicato e struggente racconto per immagini creato da Tom Ford: eccessiva, mai sobria, ma efficacissima.


Titolo: A Sigle Man (Id.)

Compositore: Abel Korzienowski & Shigeru Umebayashi

Etichetta: Relativity, 2009

Numero dei brani: 19 (16 di commento + 3 canzoni)

Durata: 51′ 52”


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.