Stai leggendo:

Soundtrack: Ella & John di Carlo Virzì

23 aprile 2018 Soundtrack 0 Commenti
Ella & John - The Leisure Seeker

Roberto Pugliese, in collaborazione con Colonne Sonore* * *

Per la sua prima trasferta statunitense, Paolo Virzì non ha voluto rinunciare alla collaborazione del fratello Carlo, che anche in questa occasione evita di andare sopra le righe, senza neanche concedersi a localismi o ai tipici ripiegamenti folkloristici di questo genere di situazioni…


La trasferta statunitense di Paolo Virzì con Ella & John ha ovviamente coinvolto il fratello Carlo, suo fedele sodale musicale, in una soundtrack all’insegna della discrezione abituale in questo compositore, estremamente refrattario a toni sopra le righe: soundtrack dove, peraltro, scorrono presenze evocative tra le più varie, da Janis Joplin a Mascagni al Wagner del “Parsifal”. Dunque, nessuno pensi che Virzì abbia concesso qualcosa a tentazioni localistiche o ripiegamenti folkloristici. Lo stile del compositore rimane ancorato a un distillato di suoni rarefatti, quasi astratti nella loro delicata, fragile costituzione. Il che contribuisce non poco a sottrarre la vicenda dell’ultimo viaggio dei due anziani e malandati coniugi Donald Sutherland e Helen Mirren a qualsiasi deriva patetizzante, per renderla piuttosto prossima a una asciutta, pudica e anche ironica parabola sulla vecchiaia, l’amore e la morte.

Per ottenere questo risultato, il compositore ricorre a uno strumentale acustico molto ridotto, scarnificato (archi, pochi fiati, percussione all’osso) accostandolo a un calibrato utilizzo dell’elettronica soprattutto in una chiave quasi surreale, atemporale e immateriale. Ne fan fede le prime due parti di “Andante”, sull’ostinato secco e sommesso degli archi a sorreggere una tenera melodia “interrotta” del cello, mentre nella terza le acque se mbrano brevemente agitarsi per poi richiudersi quietamente. Ma è in pagine come “Obstinacy part 1 e 2″o “The Leisure Seeker” che l’intento sottrattivo di Virzì si fa più evidente: qui infatti la lunare, catafratta smaterializzazione del suono elettronico si sviluppa intorno a brevi inserti melodici che appaiono e scompaiono come ombre della memoria (forse quella, evaporante, del protagonista maschile), mentre in “The love of my life”, a dispetto del titolo, la pulsione intimista e sentimentale è nascosta e attutita dietro un paravento vitreo di suoni distanti, incerti e ipnotizzanti.

Questa radicalizzazione linguistica, che tocca un apice nell’immobilità spettrale di “Slides part 1 e 2”, pare momentaneamente interrompersi solo in “The king of route 1” (oltre che nella conclusiva “I love them both”), isolatissima concessione a un tocco country di ballata in cui le chitarre sembrano quasi evocare quelle da “steel guitar”del mitico duo Santo & Johnny. Ma si tratta, appunto, di un inciso. In “Fields” e “What about me?” il clima sonoro torna a farsi sospeso e fantasmatico, fra rintocchi ovattati (“Slides part 3”, “Obstinacy part 2”), fuggevoli inserti strumentali, sottili riverberi e flebili risonanze. Un mondo a parte, insomma, come quello in cui vogliono rifugiarsi al crepuscolo della loro esistenza in comune Ella e John, e che la musica di Virzì accompagna affettuosamente ma compostamente, fornendo loro anche nei suoni quella dignità della fine cui essi aspirano.


La copertina del CD di Ella & John - The Leisure SeekerTitolo: Ella & John – The Leisure Seeker (The Leisure Seeker)

Compositore: Carlo Virzì

Etichetta: BMG, 2017

Numero dei brani: 17 (16 di commento + 1 canzone)

Durata: 41′ 11”


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].