Stai leggendo:

Soundtrack: Il colore nascosto delle cose di Gianluigi Carlone

9 ottobre 2017 Recensioni 0 Commenti
Il colore nascosto delle cose

Massimo Privitera, in collaborazione con Colonne Sonore* * *

Fondadore nel 1980 della Banda Osiris, che negli anni ha composto colonne sonore anche per Matteo Garrone, Francesca Comencini e Giulio Manfredonia, Gianluigi Carlone ha realizzato la colonna sonora del nuovo film di Silvio Soldini, Il colore nascosto delle cose. Una partitura disponibile solo un formato digitale…


La Banda Osiris è un geniale gruppo italiano fuori dagli schemi, composto da musicisti comici-ambulanti che mischiano i generi musicali con grande efficacia e divertimento, fondato a Vercelli nel 1980 dai fratelli Gianluigi e Roberto Carlone e da Giancarlo Macrì e Mario Sgotto. Negli anni, hanno realizzato diverse colonne sonore per il cinema (Primo amore, L’imbalsamatore, Qualunquemente, A casa nostra, Il comandante e la cicogna), lavorando con registi importanti come Matteo Garrone, Giulio Manfredonia, Francesca Comencini e Silvio Soldini. Proprio per Soldini, uno dei membri della Banda Osiris in solitaria – Gianluigi Carlone – ha scritto la OST del film con Valeria Golino e Adriano Giannini, Il colore nascosto delle cose, pubblicata soltanto in formato digitale dalla Universal.

Carlone ha composto una score che sin dal primo brano, “Altrove”, traccia indelebilmente il mood sonoro dell’intera soundtrack: un violoncello, percussioni, arpa, chitarre e synth che creano una suggestione astratta, antica e ricca di nostalgiche rimembranze. “Emma” dona al violoncello la parte solista e una parvenza di tema malinconico e lieve che come una foglia autunnale vola via leggero. “Altrove – risveglio” ritrova l’incipit iniziale con il violoncello pizzicato su gocciolii sintetici e un piano lontano lontano, molto atmosferico. “Emma – aspettando Nadia” rivede il violoncello interprete che sussurra un tema delicato che respira piano piano e su suoni eterei si conclude quasi sospeso. “Emma – Nel bosco con Teo” ci rimostra il tema accennato della Golino che insegue Giannini tra pizzicati del violoncello, strumento basilare della partitura, e ondeggiamenti delle chitarre e battiti percussivi incessanti come un tempo che trascorre ma che vorrebbe essere fermato, come la traccia in questione che cammina frenetica e si stoppa di colpo.
“L’amore il pomeriggio”, con il suo cardiaco incedere fragoroso tra melodismi fintamente tenui e il tema esploso in tutta la sua essenza disarmante, delinea ancora di più la trama del film di Soldini: Teo (Giannini) è un uomo che conduce una vita convulsa, lavora come creativo presso un’agenzia pubblicitaria e nella vita privata si sottrae a ogni responsabilità con disparate conquiste femminili. Emma (Golino) è cieca dall’adolescenza, ma non si è fatta buttare a terra dal suo handicap e conduce una vita appagata lavorando come osteopata. L’incontro tra i due fa scoppiare una passione incredibile. Le loro vite completamente diverse e la maniera differente di scrutare il mondo li investiranno e li trasformeranno per sempre.
“Vicolo cieco” centellina i suoni sintetici, insieme al violoncello che urla con le note più basse, come un sentimento talmente profondo che scoprirlo si rischierebbe di svelare qualcosa di celato a lungo e difficile da comprendere. “Altrove – la madre”, con le chitarre che girovagano tra suoni synth incorporei e percussioni e tastiere alla Tangerine Dream da nenia fiabesca. “Vicolo cieco – Nadia” avvalora il melodismo della score con la sua ricerca del tragico attraverso il suono del violoncello. Il lungo pezzo “Il colore nascosto delle cose – Medley” finalmente dà vigore al tema portante della colonna sonora che può esprimere tutta la sua carica melodrammatica e amabilmente desiderosa di rivincita sulle avversità dell’esistenza. “Vicolo cieco – versione alternativa” chiude l’album digitale in modo sconsolato e incredulo.


La copertina del CD di Il colore nascosto delle coseTitolo: Il colore nascosto delle cose

Compositore: Gianluigi Carlone

Etichetta: Universal Music Publishing Ricordi srl – Lumière & Co., 2017

Numero dei brani: 11

Durata: 28′ 23”


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].