Stai leggendo:

Soundtrack: La battaglia di Hacksaw Ridge di Rupert Gregson-Williams

9 aprile 2018 Soundtrack 0 Commenti
La battaglia di Hacksaw Ridge

Roberto Pugliese, in collaborazione con Colonne Sonore* * ½

Presentato al Festival di Venezia, il film di Mel Gibson “La battaglia di Hacksaw Ridge” si avvale di una colonna sonora a due facce. Firmata da Rupert Gregson-Williams, la musica del film tocca punte realmente emozionanti prima di estrarre il cannone e sparare a tutto ciò che si muove…


Siamo davvero sicuri che La battaglia di Hacksaw Ridge sia un film “pacifista”? Solo perché racconta le eroiche gesta di Desmond Doss (interpretato da Andrew Garfield), il soldato-obiettore che nel ’45 a Okinawa salvò la vita a 75 suoi commilitoni senza sparare un sol colpo? Tutta la storia personale e artistica di Mel Gibson ci dice il contrario: personaggio dalle posizioni private per nulla tolleranti o “pacifiche”, l’attore e regista statunitense educato in Australia mescola in realtà la forte vena masochistica e sacrificale dei propri protagonisti (da L’uomo senza volto a Braveheart, dal Riggs di Arma letale al transfert sulla figura del Cristo in The Passion) a un fondamentalismo religioso con punte di autentico fanatismo. Ed è, soprattutto, irresistibilmente attratto dalla violenza, in un atteggiamento tra fascinazione e ripugnanza che suscita senz’altro interessi di tipo psicoanalitico.

La storia di Doss è un terreno perfetto per coltivare sul piano puramente spettacolare tutte queste contraddizioni, di cui è inevitabilmente chiamato a far parte anche lo score di Rupert Gregson-Williams. Perché non v’è dubbio che, nella lussureggiante partitura del compositore britannico, spiri un’atmosfera rasserenante, distensiva e quasi idilliaca, soprattutto nella prima parte. Già a partire da “Okinawa battlefield”, ad esempio, si alza, nel suono stentato di due violini su un morbido tappeto di archi ed elettronica, un tema conduttore che ricorrerà spessissimo e che nella sua andatura ha un sapore quasi mistico, sicuramente liturgico (vista la fede indefettibile del protagonista), addirittura ispirato al canto gregoriano. E la sua lentissima parafrasi nei legni e archi di “A calling”, contrappuntata dal canto dei celli, procede lungo il crinale di un lirismo contemplativo che in pagine come “Climbing for a kiss” tocca punte davvero emozionanti, soprattutto nell’utilizzo degli strumenti solisti, in prevalenza fiati. Le variazioni, sempre più allusive e sempre meno dirette, sul tema principale proseguono in “Throw hell at him”, mentre l’orizzonte della partitura si va via via rabbuiando, ma ancora senza esagerazioni o cedimenti all’enfasi; piuttosto c’è una specie di manto profeticamente funebre, intensamente elegiaco, che avvolge “Sleep”, con celesta, archi e legni a turnarsi in evoluzioni pacate e soffuse di tenerezza (“Dorothy pleads”).

Ma le cose cambiano radicalmente a partire da “Hackasaw Ridge”: cominciano a soffiare i venti di guerra, e Gregson-Williams mobilita il proprio esercito hi-tech chiamando in causa cupi effetti corali, percussioni ossessive e profonde, esplosioni sonore metalliche e soffocanti (“Japanese retake the Ridge”), ottoni wagneriani raddoppiati, progressioni ritmiche travolgenti e sonorità da “fine-di-mondo”. Qui, ovviamente, si fa strada “l’ombra di Banco” chiamata Hans Zimmer, soprattutto nella costruzione di un’epica sonora totalizzante e senza appello, anche se aver inventato quella idea tematica “religiosa”, arcaicizzante iniziale consente al musicista di prodursi in apoteosi davvero suggestive (“One man at time”, “Rescue continues”) che hanno la potenza di un epicedio e insieme di un inno salvifico. Peraltro le pagine più impetuose ed esaltate sono abbastanza circoscritte, lasciando presto il posto ad amplissime aperture orchestrali e al dilagare di sonorità maestose (“Praying”), che però si risolvono in “Historical footage”, una ricapitolazione – sulle istantanee del vero Desmond Doss – dai toni inizialmente di nuovo sommessi e quasi cameristici, e che dopo un breve interludio luminoso si conclude tra severi e raccolti accordi di archi.

Inutile, ovviamente, soffermarsi su quel tanto di retorico e di apologetico che una simile musica contiene: è evidente che per il regista e il suo musicista, qui si trattava di nobilitare al calor bianco il valore e insieme “i valori” spirituali del loro protagonista, per cui non si tratta tanto di “battle music” quanto di vera e propria – a suo modo – “musica sacra”.


La copertina del CD di La battaglia di Hacksaw RidgeTitolo: La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)

Compositore: Rupert Gregson-Williams

Etichetta: Varese Sarabande, 2016

Numero dei brani: 16

Durata: 54′ 20”


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].