Stai leggendo:

Soundtrack: “La papessa” di Marcel Barsotti

23 luglio 2010 Soundtrack 0 Commenti
Paolo Eustachi, 23 Luglio 2010: * * * ½
In collaborazione con Colonne Sonore

Il compositore svizzero Marcel Barsotti realizza per questo film di Sönke Wortmann, con il quale aveva già collaborato per Il miracolo di Berna, una musica estremamente melodica ed essenziale, e anche per questo estremamente emozionale…


Nel 2007 Sönke Wortmann, regista dell’apprezzato Il miracolo di Berna, ha rilevato il posto di Volker Schlöndorff nella realizzazione del grandioso progetto della Constantin Film relativo alla trasposizione su grande schermo del romanzo La papessa di Donna Woolfolk Cross. Schlöndorff, che aveva molto a cuore il progetto, ha preferito rinunciare temendo le ripercussioni negative che il previsto sfruttamento del materiale filmico per una serie televisiva da parte della casa produttrice avrebbe arrecato al risultato artistico complessivo. Prodotto con l’imponente budget di 22 milioni di euro, La papessa è un lavoro di grande impatto e che anche nel nostro paese ha segnato un positivo riscontro da parte del pubblico. Il cast vede uniti Johanna Wokalek – nuovo astro del cinema tedesco, già apprezzata interprete del ruolo di Gudrun Ensslin nel film La banda Baader Meinhof – alle due star hollywoodiane John Goodman (Papa Sergius) e David Wenham (Gerold).

Il film rappresenta l’affascinante storia – per alcuni solo una leggenda – di Johanna, ragazza di grande determinazione nata in pieno Medioevo nelle campagne di Franconia. Come riferisce nel XIII secolo non solo il frate domenicano Martin von Troppau, e nel secolo successivo anche il Petrarca e il Boccaccio, Johanna in virtù della sua fede come delle sue non comuni conoscenze terapeutico-officinali, intorno all’anno 885 sarebbe salita al trono di Pietro succedendo a Leone IV e si sarebbe spenta durante il parto nel corso della processione per la Pasqua a Roma. Un soggetto suggestivo, che muovendosi fra storia e leggenda si presta magnificamente per la realizzazione di un film carico di pathos epico e drammatico, confezionato in una veste nel complesso assai raffinata e pronto quindi a conquistare il pubblico con le sue complesse riflessioni.

Marcel Barsotti chiamato alla realizzazione della parte musicale aveva già lavorato in precedenza con Sönke Wortmann firmando la OST di Il miracolo di Berna. Il compositore svizzero conferma le sue doti con una partitura di grande levatura, caratterizzata da una notevole carica melodica e da una drammaturgia sonora immediata, essenziale ed emozionale, che solo raramente nei suoi momenti epici assume un carattere strettamente decorativo, al limite dell’enfasi. Barsotti dipinge un affresco sonoro avvolto in una struttura architettonica dal carattere marcatamente sinfonico, dove trova forma un riuscito connubio di idee e stili volti a tratteggiare le diverse atmosfere trasmesse dalle immagini, in una singolare alternanza di tempi di walzer, musica etnica, canto gregoriano, riflessioni drammatiche tratteggiate in rimandi vagamente hollywoodiani, inventiva ritmica alla Shostakovich, espressioni contemplative alla Sibelius…

Il bellissimo Leitmotiv “Johanna’s Theme”, ripetuto in una raffinata costruzione di impronta minimalista da violino solo, piano e archi è chiamato a esprimere i sentimenti profondi dell’anima della protagonista del film, il suo impegno e la determinazione nel combattere i radicati pregiudizi del tempo e nel perseguire i suoi ideali quanto anche la sua interiore umana fragilità. La scrittura musicale riflette in modo ammirevole l’ambientazione storica e sociale e con la sua forza melodica ed espressiva si rivela una componente essenziale del film, che lascia spiegare in un fraseggio spontaneo nei numerosi spazi di silenzio, evitando ogni senso di congestione e contribuendo allo stesso tempo a compensare in modo autorevole alcuni momenti deboli della sceneggiatura.

Il compositore ha lavorato alla colonna sonora ben dieci mesi riflettendo a lungo sulla scelta degli esecutori che meglio avrebbero potuto avvicinarsi alla rappresentazione ideale del suo concetto sonoro. Con l’orchestra Deutsche Staatsphilharmonie Rheinland-Pfalz di Ludwigshafen, guidata dal Maestro Frank Strobel, le struggenti figure musicali che accompagnano il film di Sönke Wortmann vengono tratteggiate in maniera superlativa, avvolte in un suono morbido, vellutato e trasparente che ne esalta le sfumature timbriche e le qualità melodiche. Il Maestro Strobel, grande riferimento a livello mondiale nel campo dell’ottava arte, conferma le sue doti di interprete raffinato e profondo, e con il presente CD della Koenigskinder Music firma un’ulteriore importante tappa nella sua brillante carriera artistica, che non mancherà di trovare il dovuto riscontro da parte degli ascoltatori.  In un recente incontro a Bologna egli ha riferito della singolare esperienza di questa impegnativa realizzazione che ha coinvolto per ben sei giorni consecutivi oltre duecento musicisti fra orchestra, tre cori, strumenti etnici e voci soliste. La straordinaria prestazione musicale dell’orchestra non sorprende e rappresenta un’ulteriore conferma della qualità impareggiabile dei complessi sinfonici tedeschi, che passano con fenomenale disinvoltura da Bach ai compositori dell’avanguardia con risultati eccelsi.


Titolo: La papessa (Die Paepstin)

Compositore: Marcel Barsotti

Etichetta: Koenigskinder Music, 2009

Numero dei brani: 28

Durata: 69′ 38”


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)