Stai leggendo:

"Terkel in Trouble" di Kresten Vestbjerg Andersen, Thorbjørn Christoffersen & Stefan Fjeldmark

30 marzo 2006 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 30 Marzo 2006: Maleducato
Moviemax, 7 Aprile 2006

Terkel è un ragazzino di prima media, timido e spesso bersaglio degli scherzi e degli insulti di Sten e Saki. Terkel può tirare un sospiro di sollievo solo quando i due bulletti se la prendono con la cicciona della classe. Ma quando suo zio riempie di botte i due, Terkel inizia a ricevere persino minacce di morte…


Fa spesso comodo invocare una dignità cinematografica a tutto tondo per il cinema d’animazione, chiedere di considerare un cartone animato in tutto e per tutto alla stregua di un qualunque altro film in live action. Lo si fa in particolare quando ci si trova di fronte ad opere di autori che meritano considerazione anche da chi non ha una spiccata propensione per i film d’animazione, autori come Miyazaki, Otomo, Bozzetto… Ci si dimentica spesso di farlo, però, quando si parla di opere di puro intrattenimento – siano esse per bambini, adulti o ragazzi. Così, situazioni che sarebbero state probabilmente accettate in un film “normale”, finiscono per essere stigmatizzate in un film d’animazione e quelli che hanno fatto della dignità del cinema animato una battaglia quasi politica preferiscono far finta di nulla.

Terkel è un ragazzino di prima media che vive una vita tutt’altro che semplice. I suoi genitori non fanno altro che litigare, la sorellina lo assilla di continuo, le compagne di scuola cominciano ad interessarsi a lui e al suo miglior amico Jason… Ma quando il suo alcolizzato zio Stewart riempie di botte due bulletti che volevano costringerlo a rubare della birra, per Terkel le cose si fanno ancora più dure: una notte, un mattone sfonda la finestra della sua camera da letto, recapitandogli addirittura una minaccia di morte…

Terkel in Trouble è solo incidentalmente un film d’animazione. Basata su uno show radiofonico del comico Anders Matthesen, a sua volta ispirato ad un racconto popolare danese, Terkel è una commedia giovanile pervasa da uno spirito splatter che in qualche modo la accomuna ai primi film di Peter Jackson (che forse non a caso nel 1989 diresse un film con pupazzi animati che si rifacevano ai Muppet) e che la rende particolarmente appetibile al pubblico cui è diretta, quello che riempie le sale dove si programmano i vari Resident Evil e non si perde una puntata di South Park o dei Simpson. In effetti, nulla in questo film è realmente originale o davvero politically incorrect come vorrebbe sembrare, eppure tutto funziona egregiamente – posto che si decida di stare al gioco, tra insulti e ammazzamenti vari.

Non c’è dubbio che l’efficacia della parte comica della pellicola derivi in gran parte dall’adattamento dei dialoghi curato da Elio e le Storie Tese e Antonello Governale. L’esagerato slang pseudo-giovanile, quasi sempre pronunciato con un forte accento del nord Italia, riesce a strappare più di una risata anche per via della poca abitudine che abbiamo nel sentire certe espressioni pronunciate dai personaggi di un film, ma i personaggi sono simpatici e le situazioni spesso divertenti. Certo il tono generale della pellicola rasenta il cattivo gusto, ma non si può certo dire che gli autori non abbiano raggiunto il loro scopo, ossia farci ridere (o sogghignare malignamente) per un’oretta e poco più.


Titolo: Terkel in Trouble (Terkel i knibe)
Regia: Kresten Vestbjerg Andersen, Thorbjørn Christoffersen, Stefan Fjeldmark
Sceneggiatura: Mette Heeno
Fotografia:
Doppiatori: Elio e le Storie Tese (Elio, Faso, Cesareo, Rocco Tanica), Simone D’Andrea, Claudio Bisio, Lella Costa, Lorenzo Scattorin, Antonello Governale, Daniele Demma
Nazionalità: Danimarca, 2004
Durata: 1h. 17′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)