Stai leggendo:

"The Informers" di Gregor Jordan

13 novembre 2009 Recensioni 3 Commenti
The informers

Disponibile in home-video – Pessimo

Nella Los Angeles del 1983 le vite di alcuni ragazzi di buona famiglia che passano le giornate tra Sesso, Droga & Rock ‘n’ Roll si incrociano con quella di un cantante drogato e ubriacone e di un attore fallito che lavora come portiere di notte. Ma anche con quelle dei loro genitori…


Rhys Ifans e Mel Raido in una scenaTratto da Acqua dal sole, un romanzo raccontato attraverso 13 storie brevi scritto nel 1994, The Informers è il terzo brutto adattamento consecutivo per i libri di Bret Easton Ellis dopo American Psycho e Le regole dell’attrazione. A tutt’oggi, l’unico film a rendere davvero giustizia al materiale da cui è tratto è il primo, Al di là di tutti i limiti. E a tratti sembra di vedere proprio  una versione più stupida di Al di là di tutti i limiti, con ancora più droga e molta più pelle esposta (soprattutto quella della bella Amber Heard), perché il film narra sì quasi tutte le storie del romanzo, ma le semplifica troppo e ne cambia i personaggi per rendere più stretti i rapporti che ci sono tra loro. E allora, se l’intenzione del regista era di imitare l’Altman di America Oggi, non si può certo dire che la cosa gli sia riuscita.

Amber Heard in una scenaLa sceneggiatura è accreditata a Nicholas Jarecki e allo stesso Bret Easton Ellis, ma di quanto da loro scritto pare sia rimasto ben poco, perché Gregor Jordan (Buffalo Soldiers) ha voluto eliminare completamente l’aspetto sovrannaturale presente nel libro, che dava una luce ancor più rivoltante alla parata di mostri presentati nelle pagine scritte. Così facendo, il tono del film è cambiato totalmente e di conseguenza le storie sono diventate ben poco interessanti, e il modo meccanico e per nulla naturale con cui si intersecano non aiuta di certo. In più, le scarse capacità dei giovani attori danno il colpo di grazia al  film, che alla fine si ricorda esclusivamente per essere l’ultimo di Brad Renfro, morto a soli 25 anni un mese dopo la fine delle riprese.


La locandina statunitenseTitolo: The Informers – Vite oltre il limite (The Informers)
Regia: Gregor Jordan
Sceneggiatura: Bret Easton Ellis, Nicholas Jarecki
Fotografia: Petra Korner
Interpreti: Jon Foster, Amber Heard, Austin Nichols, Lou Taylor Pucci, Mel Raido, Brad Renfro, Billy Bob Thornton, Kim Basinger, Winona Ryder, Mickey Rourke, Rhys Ifans, Chris Isaak, Fernando Consagra, Aaron Himelstein
Nazionalità: USA – Germania, 2008
Durata: 1h. 38′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Eddie scrive:

    Alberto! Allora non sono l’unico a cui sia piaciuto “Al di là di tutti i limiti”?

  2. Alberto Cassani scrive:

    Dire che mi sia piaciuto è un po’ esagerato, però rispetto agli altri film tratti da Ellis fa una bella figura.

  3. Eddie scrive:

    Per me Robert Downey Jr. da solo vale tutto il film. A dire il vero, comunque, a me “Le regole dell’attrazione” non è dispiaciuto: lo stesso Ellis lo definisce l’unico film tratto da un suo libro che ne rispecchi a pieno lo spirito. American Psycho ha qualche sequenza interessante ma è scritto male. Questo “The informers” bruttissimo, peccato per il cast.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.