Stai leggendo:

"The Terminal" di Steven Spielberg

31 agosto 2004 Recensioni 0 Commenti
The Terminal

Uip, 3 Settembre 2004 – Sottile

Viktor Navorski è in volo da una piccola repubblica ex-sovietica a New York . Durante il viaggio, però, nel suo paese natìo c’è un colpo di stato. Gli USA non riconoscono il nuovo governo, per cui a Viktor viene negato l’accesso sul suolo statunitense. Non potendo tornare indietro, Viktor si siede lì ad aspettare…


Tom Hanks in una scena di The TerminalDa un soggetto di Andrew Niccol e Sacha Gervasi sviluppato anche dallo sceneggiatore di Prova a prendermi, il film che inaugura la Mostra del cinema di Venezia 2004 è forse la regia più critica della carriera di Steven Spielberg. Quella che all’apparenza può sembrare una commediola fin troppo politically correct è in realtà una sottile e non banale critica al Sistema, al verso per cui gira il mondo di oggi, agli stessi Stati Uniti. D’altra parte da uno come Niccol, sceneggiatore di Truman Show e S1m0ne e regista di Gattaca, era logico aspettarsi un film di questo genere. Forse era meno logico aspettarselo da uno come Spielberg, ma proprio grazie ad un prodotto come questo si può capire l’intelligenza di questo regista, etichettato ancora spesso come autore di pellicole nient’altro che spettacolari e dotato invece di una sensibilità e di una profondità rara nel cinema moderno.

Stanley Tucci e Tom Hanks in The TerminalTecnicamente ineccepibile – basta quella panoramica circolare all’ingresso di Viktor nel terminal internazionale a mettere i brividi – The Terminal ha l’unico grande difetto di girare attorno a personaggi troppo caricaturali. All’inizio Viktor pare uscito da un cartone animato da tanto sembra tonto, e anche in un paio di altre occasioni Spielberg lascia un po’ troppo spazio alle gag che fanno parte della sceneggiatura forse solo per caricare l’aspetto comico della pellicola.
Diego Luna, Tom Hanks, Kumar Pallana e Chi McBride in The TerminalD’altra parte, però, il cast è straordinario a sostenere l’impianto generale, senza che un attore paia migliore (o peggiore) di un altro. Certo lo spettatore simpatizza con quello strambo apolide, e si diverte e si appassiona per le sue disavventure, ma il meccanismo è talmente perfetto che anche a non prestarci attenzione entrano sotto pelle quei dialoghi cinici e quella situazione ai limiti dell’incredibile ma in fondo non così lontana dalla realtà. Una sensazione che neanche il finale – quello sì – troppo buonista può cancellare.


La locandina di The TerminalTitolo: The Terminal (Id.)
Regia: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Sacha Gervasi, Jeff Nathanson
Fotografia: Janusz Kaminski
Interpreti: Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones, Stanley Tucci, Chi McBride, Diego Luna, Barry Shabaka Henley, Kumar Pallana, Zoe Saldana, Eddie Jones, Michael Nouri, Rini Bell, Stephen Mendel, Jude Ciccolella, Corey Reynolds, Ana Maria Quintana
Nazionalità: USA, 2004
Durata: 2h. 08′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.