Stai leggendo:

“The Wedding Date” di Clare Kilner

28 aprile 2005 0 Commenti
Luciana Morellli, 28 Aprile 2005: Trascurabile
Medusa, 29 Aprile 2005

Dovendo partecipare alle nozze della sorella, Kat decide di pagare 6.000 dollari per “affittare” il bel Nick come accompagnatore ufficiale, in modo da nascondere a tutti il suo essere single e schivare così tutte le malelingue delle altre invitate. Ma bastano un paio di giorni per incasinare tutto…


Siamo d’accordo che è una commedia, siamo d’accordo anche sul fatto che sia difficile fare un film con una sceneggiatura simile dribblando situazioni e dialoghi che non siano già stati largamente sfruttati (vedi per esempio Bridget Jones e Il matrimonio del mio migliore amico) e siamo anche d’accordo con chi sostiene che non bisogna aspettarsi molto da film come questi, ma il risultato, francamente, scende al di sotto della più pessimistica delle previsioni. I due attori sono esuberanti, senza ombra di dubbio molto bravi ma non ci serviva di certo questo film per accorgercene. Lei è Debra Messing, la bellissima protagonista della pluripremiata serie Tv Will & Grace e lui, Dermot Mulroney, è semplicemente splendido, un attore bello e di talento che non disdegna ruoli drammatici e li alterna brillantemente a commedie di successo come il suddetto Il matrimonio del mio migliore amico. Che spreco.

I dialoghi sembrano partire piuttosto bene per poi avere un crollo subito dopo l’incontro con la famiglia di lei (cioè dopo circa 10 minuti di film), contemporaneamente al momento in cui Nick inizia a dimostrare interesse per la sua ‘datrice di lavoro’. Ed ecco che frasi alla Beautiful come «mi mancheresti anche se non ti conoscessi…» oppure «stai lottando per un sentimento già morto, rovinando qualcosa che potrebbe nascere…» fanno cadere le braccia (e non solo) a tutti quelli che si aspettavano quattro risate senza infamia e senza lode. Tratto dal romanzo Asking for Trouble della scrittrice Elizabeth Young, appassionata di novelle sulle disavventure amorose delle donne, The Wedding Date è scontato, mieloso, a tratti anche divertente ma veramente troppo retorico per essere credibile.

Forse in mano ad uno sceneggiatore come si deve, magari dotato della verve graffiante caratteristica dei commediografi inglesi, il tutto avrebbe potuto anche risultare piacevole anche se non proprio una novità. Qui invece ci si è limitati all’ambientazione inglese, a mostrare le splendide campagne nei dintorni di Londra, lasciando ancor di più allo spettatore la sensazione che il tentativo di imitazione del modello britannico sia stato di fatto preso in considerazione. E decisamente mal riuscito.


Titolo: The Wedding Date (Id.)
Regia: Clare Kilner
Sceneggiatura: Dana Fox
Fotografia: Oliver Curtis
Interpreti: Debra Messing, Dermot Mulroney, Amy Adams, Jack Davenport, Sarah Parish, Jeremy Sheffield, Peter Egan, Holland Taylor, Jolyon James, C. Gerrod Harris, Martin Barrett, Jay Simon, Danielle Lewis, Ivana Horvat
Nazionalità: USA, 2005
Durata: 1h. 30′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 3 al 6 luglio

Siti utili