Stai leggendo:

"Vincere" di Marco Bellocchio

18 maggio 2009 Recensioni 0 Commenti
Vincere

01 Distribution, 20 Maggio 2009 – Oscuro

Nella vita di Benito Mussolini c’è un segreto: una moglie e un figlio – concepito, riconosciuto e poi negato. Questo segreto ha un nome: Ida Dalser. Una donna che grida la sua verità fino alla fine, nonostante il disegno del Regime di distruggere ogni traccia che la colleghi al Duce…


Filippo Timi e Giovanna Mezzogiorno in VincereIl nuovo film di Marco Bellocchio, unico italiano in concorso al Festival del Cinema di Cannes 2009, racconta una delle vicende più oscure di uno dei personaggi storici più oscuri della nostra storia recente, Benito Mussolini. In particolare, il regista piacentino si concentra sulla moglie dimenticata di Mussolini, tal Ida Dalser, e sul figlio avuto da lei, Benito Albino Mussolini. La vicenda è, classicamente, quella di una donna sedotta e abbandonata da un uomo che, divenuto il Duce, volle nascondere l’esistenza di quello scomodo passato, che lo avrebbe messo in cattiva luce soprattutto agli occhi della Chiesa. Per farlo non esitò a far rinchiudere la donna in un manicomio, fino a condurla alla morte per emorragia cerebrale nel 1937, dopo 11 anni di internamento.

Giovanna Mezzogiorno e Fabrizio Costella in VincereSe il tema è quello classico, due sono gli elementi che rendono originale la vicenda. Il primo riguarda la figura di Ida Dalser, interpretata da una stupenda Giovanna Mezzogiorno, una donna che non si arrese mai all’abbandono e rivendicò davanti a tutti la sua storia. Come lei si era completamente lasciata andare tra le braccia di lui, così pretendeva che lui si lasciasse andare tra quelle di lei. Il suo lasciarsi andare è rappresentato attraverso la nudità della donna, una nudità, appunto, donata all’uomo amato. Per ottenere il riconoscimento del suo essere moglie di Mussolini scrisse numerosissime lettere, persino al Papa, ma il Regime aveva ormai nascosto ogni prova di quel matrimonio. Ida Dalser è una donna coraggiosa, determinata, testarda e non incline al compromesso. Una donna che dovendo scegliere tra la possibilità di rinnegare quell’amore e quella di insistere nel denunciare la verità, scelse la seconda opzione, subendone tutte le conseguenze.
Filippo Timi in VincereIl secondo elemento riguarda la figura di Benito Mussolini, interpretata da Filippo Timi. Proprio grazie alla sua straordinaria prova d’attore, si entra nella psicologia di un uomo che seppe affascinare un intero popolo, grazie ad un carisma innato e ad una determinazione di ferro. Un uomo oscuro, come scure e buie sono le inquadrature che lo riguardano, un uomo divorato dal desiderio di conquistare il potere, dal bisogno di primeggiare, di entrare nella Storia. Impressionanti sono gli occhi che Filippo Timi si disegna addosso nella scena d’amore con la Mezzogiorno. Una scena teoricamente di grande passione, di amore violento, che si gela negli occhi di ghiaccio di Mussolini, freddi come fredda è la determinazione e la voglia di potere che quell’uomo incarna, perché “vincere” è, appunto, il suo unico obiettivo.
Da non scordare la figura del figlio, vera vittima innocente delle opposte volontà dei suoi genitori. Un bambino allontanato dalla madre e diventato un adulto insicuro; un uomo che, identico nelle fattezze al padre, lo caricaturizza e fondamentalmente lo odia; per questo sarà internato e anche lui morirà in manicomio e sarà sepolto in una fossa comune.

Giovanna Mezzogiorno in VincereMarco Bellocchio sceglie di unire le immagini originali con altre storiche, provenienti prevalentemente dagli archivi dell’Istituto Luce e così facendo riesce ad aumentare ancora di più la sensazione di drammaticità delle situazioni e degli eventi. Una musica assordante sottolinea le scelte ed i momenti della salita al potere del Duce, mentre una colonna sonora dai toni bassi rende ancora più scure le già buie inquadrature. Il lavoro culturale che sta dietro al film è evidente, ed è di estremo spessore. Il film, grazie alla descrizione di una vicenda privata, riesce a essere militante come poche altre pellicole nella denuncia di cosa è stato il regime fascista. Un film di grande importanza e di estremo interesse.


La locandina di VincereTitolo: Vincere
Regia: Marco Bellocchio
Sceneggiatura: Marco Bellocchio, Daniela Ceselli
Fotografia: Daniele Ciprì
Interpreti: Giovanna Mezzogiorno, Filippo Timi, Fausto Russo Alesi, Michela Cescon, Piergiorgio Bellocchio, Corrado Invernizzi, Paolo Pierobon, Bruno Cariello, Francesca Picozza, Simona Nobili, Vanessa Scalera, Giovanna Mori
Nazionalità: Italia, 2009
Durata: 2h. 08′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre