Stai leggendo:

"Virtuality" di Brett Leonard

4 agosto 2015 Recensioni 0 Commenti
Virtuality

1995 – Ingenuo

L’agenzia governativa L.E.T.A.C. sviluppa a scopo di addestramento una sofisticatissima intelligenza artificiale partendo dalle menti dei 200 criminali più spietati e geniali. Ma da virtuale l’entità si materializza nel mondo reale, e spetta a un solo uomo riportarla tra bit e byte…


Denzel Washington in VirtualityIl regista del Tagliaerbe torna con un altro tuffo nel futuro. Virtuality è ambientato in una Los Angeles che affraonta i soliti problemi di criminalità non alla Robocop ma con ingenti investimenti in intelligenze artificiali super-sofisticate. L’obiettivo è quello di Minority Report, ovvero prevenire il crimine pensandone in anticipo le mosse, ma il risultato è un one man show che ricorda le gesta de L’implacabile. La differenza tra lo spettacolo di Schwarzenegger e quello offerto da un compiaciuto Russell Crowe è nel pubblico, perché Crowe nei panni dell’entità “aliena” cerca il piacere più estremo usando gli spettatori come mezzo, mentre l’implacabile era l’oggetto/vittima sacrificale del loro compiacimento.

Russell Crowe in una scena di VirtualityA braccare SID c’è la coppia Denzel Washington/Kelly Lynch in quello che, senza perifrasi, si rivela un action-movie dei più puri: dialoghi ridotti al lumicino, inseguimenti esagerati con colpi di scena nulli, qualche sprazzo di dramma familiare ed effetti speciali superiori agli standard del periodo. Si tratta insomma di un film mediocre, che tuttavia ha nel suo villain la pietra angolare di ogni singola scena: la cattiveria e spietatezza di SID è sfacciatamente genuina, è un’incoscienza inculcata senza cognizione di causa, cui attinge e si attiene poiché così da programma ma di cui fondamentalmente non ha alcuna reale coscienza. Tali considerazioni offrono lo spunto per quello che, escluso lo scivolone nel finale, è il messaggio di regista e sceneggiatore: la conoscenza senza coscienza è un corpo senz’anima.


La locandina di VirtualityTitolo: Virtuality (Virtuosity)
Regia: Brett Leonard
Sceneggiatura: Eric Bernt
Fotografia: Gale Tattersall
Interpreti: Denzel Washington, Kelly Lynch, Russell Crowe, Stephen Spinella, William Forsythe, Louise Fletcher, William Fichtner, Costas Mandylor, Kevin J. O’Connor, Kaley Cuoco, Christopher Murray, Heidi Schanz, Traci Lords, Gordon Jennison Noice, Mari Morrow
Nazionalità: USA, 1995
Durata: 1h. 46′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre