Stai leggendo:

"Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro" di Nick Park & Steve Box

23 febbraio 2006 Recensioni 0 Commenti
Andrea Chirichelli, 23 Febbraio 2006: Divertente
Uip, 3 Marzo 2006

Wallace e il suo fedele cane Gromit hanno una missione di vitale importanza: catturare il gigantesco coniglio mannaro che ogni notte saccheggia gli orti di tutta la città, mettendo in pericolo l’imminente gara di verdure giganti che Lady Campanula Tottington si prepara ad organizzare…


Ancora Aardman, ancora un successo. Nel mondo del cinema di animazione, e purtroppo non solo in quello, ci sono poche certezze: Hayao Miyazaki, Pixar e lo studio creato nel 1972 da Peter Lord e David Sproxton, divenuto celeberrimo grazie ai personaggi inventati da Nick Park.

Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro, nominato all’Oscar come migliore film di animazione (e con ottime possibilità di vittoria), conferma per l’ennesima volta l’immenso talento tecnico e comico dei realizzatori, che imbastiscono una divertente e surreale avventura con lo storico duo alle prese con un concorso per maxi-vegetali, messo in pericolo dal proliferare di voraci conigli, desiderosi di banchettare con gli ortaggi in gara. Ovviamente la soluzione al problema adottata dallo strampalato inventore Wallace avrà conseguenze catastrofiche, dando origine ad una girandola di avvenimenti imprevedibili, che metterà in serio pericolo la sua vita e quella del suo saggio compagno a quattrozampe.

Seguendo un cliché piuttosto frequente nei film di questo tipo, anche La maledizione del coniglio mannaro punta molto sulla citazione meta-cinematografica, non facendone però l’unico motivo di interesse nella storia ma, anzi, rendendola funzionale al contesto e alla trama. Stavolta, oggetto delle attenzioni del quartetto di sceneggiatori (oltre ai registi Nick Park e Steve Box, hanno partecipato alla stesura dello script anche Mark Burton e Bob Baker) sono i film horror degli anni ’30 e ’40: l’omaggio è evidente fin dalla scena che apre la pellicola e prosegue per tutta la durata del film, con sequenze e omaggi più o meno dichiarati ai grandi classici del passato.

La comicità, più che sui dialoghi, è basata sull’incredibile inventiva dimostrata dai realizzatori, che mescolano umorismo “british”, a volte spiazzante ma spesso irresistibile, a gag slapstick folli e surreali, rese ancora più convincenti dal lavoro svolto sui personaggi, caratterizzati da un realismo espressivo che lascia davvero a bocca aperta. Gromit, cane fedele e intelligente, è il vero protagonista della pellicola e a lui sono giustamente riservate le scene più avvincenti ed emozionanti, anche se non c’è un solo personaggio (umano e non), che non sia scritto in maniera attenta, pur restando fedele agli stereotipi del caso (la spasimante di Wallace, Lady Campanula Tottington, bella e ingenua; il cattivo Victor Quartermaine con cane feroce al seguito…).

La contaminazione horror è ripresa anche dalla partitura di accompagnamento che, infatti, oltre a riproporre i motivetti classici delle avventure del duo, richiama le sonorità tipiche delle colonne sonore di Bernard Herrmann e dei grandi film noir e dell’orrore del passato.

Nella versione originale il film si avvale dell’interpretazione di Ralph Fiennes ed Helena Bonham Carter, che hanno dato voce a Victor e a Lady Tottington, affiancandosi a Peter Sallis, la voce “storica” di Wallace. Nonostante il fascino degli originali sia irripetibile, la versione italiana è comunque di buon livello. In definitiva, pare proprio che Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro rappresenti un altro centro per Park e soci, e 85 minuti di grande spasso per il pubblico. Da vedere.


Titolo: Wallace & Gromit – La maledizione del coniglio mannaro (Wallace & Gromit – The Curse of the Were-Rabbit)
Regia: Nick Park & Steve Box
Sceneggiatura: Bob Baker, Steve Box, Mark Burton, Nick Park
Fotografia: Tristan Oliver, Dave Alex Riddett
Doppiatori: Danilo De Girolamo, Giò-Giò Rapattoni, Roberto Pedicini, Giorgio Lopez, Angiolina Quinterno

Nazionalità: Regno Unito, 2005
Durata: 1h. 25′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre