Stai leggendo:

“Giù per il tubo” di David Bowers & Sam Fell

24 dicembre 2006 Recensioni 4 Commenti
Emanuele Rauco, 24 dicembre 2006: Delizioso
Uip, 22 Dicembre 2006

Roddy è un topo di città molto agiato che, a causa di un topo che gli ha invaso casa, si ritrova nel mondo delle fogne. Qui conosce Rita, che lo coinvolge in un’avventura tra rubini e rapide contro un cattivo che vuole distruggere la razza roditrice…


In questa stagione ricchissima di cartoni animati, soprattutto in digitale, dai risultati non sempre felicissimi, il rischio principale è quello dell’omologazione, dell’appiattimento di forme e contenuti, persino del plagio bello e buono (a cosa non portano le politiche industriali…). Poi emergono gioielli inaspettati – causa promozione ed accoglienza in sordina – che invece fanno ancora sorridere lo spettatore appassionato. E’ esattamente il caso di Giù per il tubo (Flushed Away in originale), che fin dalla pre-produzione si annunciava come prodotto originale e notevole, non solo per la storia di topi avventurosi, ma soprattutto per il matrimonio produttivo tra il colosso americano Dreamworks (Shrek e Madagascar) e la casa britannica di animazione in plastilina Aardman (i geni che con i personaggi di Wallace & Gromit hanno sbancato più volte gli Oscar).

Questo curioso ed appassionante ibrido di stop motion al computer è una commedia d’azione a metà tra 007 e All’inseguimento della pietra verde, che rielabora secondo modi e toni modernissimi ed occidentali la vecchia favola del topo di città e del topo di campagna e che riflette, con ironia sopraffina, sul bisogno di vita e compagnia dell’uomo d’oggi.

Diretto da David Bowers e Sam Fell, scritto da Dick Clement, Ian La Frenais, Chris Lloyd, Joe Keenan e William Davies (più 5 soggettisti tra cui il fondatore della Aardman, Peter Lord), il film parte e si conclude con le classiche intenzioni dei cartoon americani, attento ai personaggi e ai loro problemi, e capace di parlare al pubblico di piccoli e grandi insegnando loro cose utili, come l’utilità di un gruppo, di una famiglia intorno a sé, e la necessità di scrollare un po’ di polvere dalle nostre vite tecnologiche e sedentarie (uno dei ritornelli preferiti alla Dreamworks).
Quello che conta, però, è ciò che sta in mezzo e che poi conduce a queste riflessioni, e che è il vero valore del film: vale a dire la capacità davvero preziosa di costruire un’avventura vera, con tutti i crismi, attraverso una serie impressionante di dettagli e piccole finezze che svariano dalla satira alla citazione parodistica, per giungere al bozzetto ed alla cura (davvero impressionante) del dettaglio visivo: solo la quantità di piccole gag, ammiccamenti, sorridenti prese in giro nascoste nei meandri della scenografia e dell’inquadratura, vale il prezzo del biglietto, quasi fosse una versione animata di Play Time di Jacques Tati.

Se la sceneggiatura può a tratti soffrire di qualche meccanicità e della mancanza di personaggi indimenticabili (eccezion fatta per i cori di lumache, gli altri sono – appunto – spassosi bozzetti), la regia conduce l’avventura con un ritmo invidiabile, tutto in crescendo, l’ironia e l’humour sono sopraffini e spaziano attraverso vari registri e l’inconfondibile tocco Aardman riesce a non farsi ingoiare dal colosso a stelle e strisce, riuscendo ad evitare la frenesia e la spasmodica ricerca di risate forzate che a volte appesantiscono film analoghi.

All’insegna dell’understatement e della finezza anche l’animazione, perfetta nel camuffare la grafica in 3D con i movimenti (ricreati) della plastilina e con la morbidezza delle sue forme, e l’interpretazione del nutritissimo cast originale (in italiano i soliti, bravi, doppiatori), da Hugh Jackman a Kate Winslet, da Ian McKellen a Jean Reno (un fantastico Le Ranocchiò, rospo-killer francese, con banda di ninja al seguito). Un film che è una vera delizia, che fa ridere, divertire e pensare con parecchia intelligenza, che non forza mai la mano, e che continua a far crescere la nostra ammirazione per menti come quelle di Lord e Park.


Titolo: Giù per il tubo (Flushed Away)
Regia: David Bowers, Sam Fell
Sceneggiatura: Dick Clement, Ian La Frenais, Chris Lloyd, Joe Keenan, William Davies
Fotografia: Brad Blackbourn, Frank Passingham
Doppiatori: Francesco Prando, Laura Latini, Luciano de Ambrosis, Massimo Rossi, Roberto Draghetti, Luca Biagini, Francesco Pannofino
Nazionalità: Regno Unito – USA, 2006
Durata: 1h. 30′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Andrea scrive:

    Il migliore della dreamworks insieme a Dragon Trainer….superiori ai più famosi gatto, gli ultimi Shrek, kung fu panda, ecc ecc

  2. Alberto Cassani scrive:

    Secondo me Kung Fu Panda è sullo stesso livello. Però so che gli autori non sono rimasti soddisfattissimi, soprattutto per la necessità di usare l’animazione digitale invece di quella a passo 1.

  3. Andrea scrive:

    Io metto Kung Fu Panda (il primo) comunque sotto, anche se ammetto che non mi è dispiaciuto. Il secondo, invece, molto sotto, mi è piaciuto poco. Allo stesso livello del tubo e dragon il primo Shrek, bellissimo, mentre già il secondo lo trovo calante

  4. Alberto Cassani scrive:

    Be’, “Giù per il tubo” ha dei momenti geniali e degli altri squisitamente british. KP1, però, secondo me ha una potenza d’insieme superiore a questo. Al di là che poi, a parte la casa di produzione in comune, sono espressioni di cinema d’animazione completamente diverse tra loro.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)