Stai leggendo:

"Winter on Fire" di Evgeny Afineevsky

6 settembre 2015 Recensioni 0 Commenti
Winter on Fire

Netflix, ancora inedito – Importante

Nel 2004 l’Ucraina è stata attraversata dalla “Rivoluziome Arancione”. 9 anni dopo il Presidente Yanukovich è tornato al potere, e tra il novembre 2013 e il maggio 2014 a Kiev gli scontri sono ricominciati. Poco più di 90 giorni di orrore totalitario nel quasi totale “silenzio stampa” di tutta l’Europa…


Una scena di Winter on FireDopo Beasts of No Nation, Netflix produce un altro lungometraggio presentato a Venezia, nella sezione Fuori Concorso. Winter on Fire è un documentario, montato con il materiale girato durante i poco più di tre mesi che sconvolsero Kiev e in particolare Piazza Maidan e le vie circostanti, causando più di 100 morti, 65 dispersi e oltre 1800 feriti. Nonostante l’assoluta superiorità delle forze del Regime, il popolo ucraino otterrà, alla fine di questa terribile protesta, risultati inimmaginabili fino a poche settimane prima.

La vicenda prende avvio dal rifiuto di Yanukovich di firmare, nel novembre 2013, un importante accordo commerciale con l’Unione Europea. Le prime proteste di piazza si allargano a causa dell’intransigenza del Regime, finché il popolo si trova di fronte a una scelta difficilissima: ritornare sui propri passi e cedere allo strapotere del Presidente/Dittatore, o continuare nella propria protesta pacifica, per ottenere l’attenzione dell’Europa e la firma dei trattati UE? Nonostante le maniere del Governo si facciano, di giorno in giorno, sempre più forti, il popolo ucraino sceglierà le barricate, e manterrà questa posizione anche a prezzo delle vite e della sofferenza di molti comuni cittadini.

Un momento di Winter on FireWinter on Fire e un’opera che solleva nello spettatore, anche in uno spettatore tutto sommato informato, reazioni, riflessioni ed emozioni davvero forti. Prima di tutto: come si giustifica, nel 2013, in Europa, la possibilità che esistano ancora Governi che usano contro la popolazione cariche armate, manganelli di ferro, fumogeni, granate stordenti, proiettili prima di gomma e poi veri, e infine blindati dell’esercito? Secondo: perché l’Europa ha deliberatamente ignorato le grida di aiuto che venivano da Kiev? Perché nessun Paese è intervenuto allo scopo di fermare una tale carneficina? Terzo, ma non per importanza: come mai, in un’era di sovraesposizione mediatica, le notizie provenienti dall’Ucraina sono state, nel migliore dei casi, superficiali e lacunose? È importante quindi che una Casa di Produzione come Netflix abbia pensato di portare all’attenzione del pubblico della rete non solo fiction, ma anche la storia che è accaduta e sta accadendo ancora oggi a due passi da casa nostra.

Una sequenza di Winter on FireWinter on Fire è stato realizzato a partire dalle migliaia di video girati da professionisti, dalla stampa, ma soprattutto da comuni cittadini. Il montaggio, scorrevole e incalzante, rende la narrazione efficace e coinvolgente, alternando parti esplicative e narrative alle immagini, spesso molto forti – soprattutto perché reali – del popolo in rivolta per i propri diritti. Si alternano, sotto i nostri occhi, momenti di gioia e condivisione, nei quali realizziamo che il comune obiettivo dell’ingresso in Europa ha unito persone molto diverse tra loro come ceto sociale, cultura e credo religioso da un lato, e altri di vero e proprio orrore in presa diretta, come la violenza gratuita su persone prive di qualunque arma, o la scena del volontario ucciso mentre cerca di prestare soccorso ad un ferito lungo la strada.

Consigliato a tutti, Winter on Fire è un’opera che andrebbe mostrata a ognuno di noi, per ricordarci che quella libertà che diamo tanto per scontata e ormai stabile, forse non è proprio così definitiva come noi crediamo.


La locandina di Winter on FireTitolo: Winter on Fire – Ukraine’s Fight for Freedom
Regia: Evgeny Afineevsky
Sceneggiatura: Den Tolmor
Fotografia: Aa.Vv.
Interpreti:
Nazionalità: Ucraina – USA – Regno Unit0, 2015
Durata: 1h. 44′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.