Stai leggendo:

"Across the Universe" di Julie Taymor

25 ottobre 2007 Recensioni 1 Commento
Across the Universe

Sony, 23 Novembre 2007 – Originale

Jude, lavoratore portuale di Liverpool, va in America a cercare il padre. Diventa amico di Max e di sua sorella Lucy, con cui allaccia un’appassionata storia d’amore. Ma quando Max deve partire per il Vietnam Lucy inizia a dedicarsi a missioni pacifiste, e questo mette in crisi il suo rapporto con Jude…


Eddie Izzard in una scena di Across the UniverseSenza dubbio l’originalità andrebbe premiata, sia che provenga da fonti diverse, sia che contempli del cinema già fatto. La regista più innovativa degli ultimi anni (soprattutto sotto un profilo visivo), Julie Taymor, continua la sua personale visione delle storia, della Storia e del mondo, aggiungendo con Across the Universe un nuovo tassello alla sua filmografia.

Evan Rachel Wood e Jim Stugess con T.V. Carpio sullo sfondo in Across the UniverseUn Moulin Rouge del ’68, così si definisce questo film. Nessuna critica e dito puntato, il film di Luhrmann è stato talmente innovativo che merita seguaci, e ben vengano. La Taymor, dopo Titus e Frida, ritorna con la classica squadra di collaboratori (compositore, costumista, effetti speciali) per mostrare al pubblico la sua personalissima visione del mondo. Potrà piacere o non piacere, ma di certo non lascia indifferenti, come non possono, per forza storica, lasciare indifferenti le canzoni dei Beatles, utilizzate come filo conduttore di tutta la vicenda. Riadattate, reinterpretate (anche da Bono Vox degli U2), riarrangiate come se fossero metal rock o sinfonie rinascimentali, i testi e le musiche dei Fab Four valgono da sole un film come questo.

Joe Anderson in Across the UniverseAl di là di un buon impianto scenico e degli interpreti giovani e talentosi, il film non ha come base una sceneggiatura solida. Forse, però, non è un cruccio troppo grande, visto che la pellicola non vuole mai essere realistica o coerente sotto un profilo narrativo. Rimangono comunque le splendide invenzioni visive della regista, brava e originale, da cui tutti però ora aspettiamo un film non solo visivo, ma anche di contenuti.


La locandina statunitense di Across the UniverseTitolo: Across the Universe (Id.)
Regia: Julie Taymor
Sceneggiatura: Dick Clement, Ian La Frenais
Fotografia: Bruno Dolbonel
Interpreti: Jim Sturgess, Evan Rachel Wood, Joe Anderson, Dana Fuchs, Martin Luther McCoy, T.V. Carpio, Spencer Liff, Lisa Hogg, Nicholas Lumley, Michael Ryan, Angela Mounsey, Erin Elliott, Joe Cocker, Bono, Eddie Izzard, Salma Hayek
Nazionalità: USA, 2007
Durata: 1h. 33′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Sebastiano scrive:

    Inguardabile. Non sono riuscito a seguirlo.
    Ho cercato il vostro pare e questa volta non mi trovo sulla stessa linea ma fa niente, ci mancherebbe!
    Pero’ non posso fare a meno di dire che accostarlo a Luhrmann mi disturba.
    Come si dice: se Luhrmann ha indicato la Luna, la Taymor ha guardato il dito.
    Sara’ perche’ per me la sceneggiatura conta sempre, eccome.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.