Stai leggendo:

"Gangster N° 1" di Paul McGuigan

11 aprile 2001 Recensioni 1 Commento
Gangster n° 1

Columbia, 30 Marzo 2001 – Duro

Freddie Mays è il gangster più importante della Londra di fine anni 60. Tutti i ragazzi dei bassifondi lo idolatrano, perché è stato capace di uccidere un poliziotto ed essere assolto. Lavorare per lui può essere pericolo anche a livello mentale, perché a stargli vicino uno potrebbe voler diventare come lui…


Paul BettanyIl ritorno di Malcolm McDowell ai personaggi duri – anzi: bastardi – 30 anni dopo aver prestato il volto ad Alex capo dei Drughi. E certo questo è quello che sa far meglio. In effetti è come se avesse finito di girare quel film e avesse iniziato le riprese di questo, come se per noi in mezzo non ci sia stato nulla, come se quell’attore dallo stesso nome che abbiamo visto tra gli altri ne I Protagonisti, Mr. Magoo e Gulag 77 fosse in realtà un’altra persona. A dir la verità, comunque, McDowell ha meno screen time del suo alter ego giovane (ben interpretato da Paul Bettany), ma attraverso tutto il film è sua (o meglio: di Adalberto Maria Merli, che lo doppia con efficacia) la voce narrante che sottolinea con tagliente sarcasmo le immagini.

Malcolm McDowellNon è con i bei dialoghi, comunque, che si esauriscono le attrattive di Gangster N° 1. La sceneggiatura di Johnny Ferguson è decisamente ben scritta, e riesce a presentarci la psicologia del protagonista senza mai scadere nel banale o nel già visto, nonostante si stia percorrendo una strada più volte battuta. Il film si apre già con una scena piuttosto intrigante, che basta da sola a fotografare l’ambiente in cui i personaggi si muovono e a farci capire che tipo è il nostro uomo. Ma ci sono altri due momenti capaci di ipnotizzare lo spettatore: una lunga scena in cui il protagonista va a far visita ad un ladruncolo doppiogiochista e riesce a terrorizzarlo con pochi gesti ed ancor meno parole, e una scena in cui il giovane gangster uccide il capo della gang rivale dopo una meticolosa preparazione. In questa scena, nonostante non ci venga realmente mostrato nulla, la tensione è talmente alta che la violenza che scorre nelle vene del protagonista basta a farci accapponare la pelle.

Sottolineate da un commento musicale che ben alterna brani di repertorio a pezzi originali, le immagini del film scorrono via senza lasciare un attimo di respiro a chi le guarda, e il bilanciato uso della computer graphic non fa altro che acuire il senso di disagio che si prova al cospetto di personaggi simili. E anche se il film in fondo è un po’ vuoto ed il finale può sembrare inconcludente, questo non è una pellicola che si dimentica in fretta. Come quell’altra, diretta da un certo Stanley qualcosa, una trentina d’anni fa.


La locandinaTitolo: Gangster N° 1 (Gangster No. 1)
Regia: Paul McGuigan
Sceneggiatura: Johnny Ferguson
Fotografia: Peter Sova
Interpreti: Malcolm McDowell, Paul Bettany, David Thewlis, Saffron Burrows, Kenneth Cranham, Jamie Foreman, Razaaq Adoti, Doug Allen, Eddie Marsan, David Kennedy, Andrew Lincoln, Cavan Clerkin, Johnny Harris, Anton Valensi
Nazionalità: Regno Unito – Germania, 2000
Durata: 1h. 45′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Francesco scrive:

    Questo film è un capolavoro. Il paragone con Snatch – lo strappo è impossibile perchè sono due film diversi. Snatch è comico mentre gangster è violento. Il protagonista è fenomenale. La scena in cui ammazza il capo della gang rivale è da oscar. Bellissimo anche quando lancia il suo nemico fuori dalla finestra dopo averlo torturato un bel po’.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.