Stai leggendo:

"I sogni segreti di Walter Mitty" di Ben Stiller

2 gennaio 2014 Recensioni 2 Commenti
I sogni segreti di Walter Mitty

20th Century Fox, 19 Dicembre 2013 – Scombinato

Responsabile dell’archivio fotografico di LIFE, Walter Mitty è un moderno sognatore che compie regolarmente dei viaggi mentali per sfuggire alla sua noiosa vita. Quando perde il negativo dello scatto che sarà ritratto nell’ultima copertina della rivista si torva a dover partire alla sua ricerca, in un viaggio in bilico tra sogno e realtà…


Ben Stiller e Kristen Wiig in una scenaDopo gli ultimi esperimenti di Zoolander e Tropic Thunder, con I sogni segreti di Walter Mitty Ben Stiller torna a vestire il doppio ruolo di attore e regista, portando in scena l’adattamento di un racconto di James Thurber – già tradotto in pellicola nel 1947 da Norman McLeod.

Ben Stiller e Kristen WiigNelle vesti di Walter, Stiller dà corpo e voce a un Peter Pan adulto a cavallo tra una vita trascorsa negli archivi di LIFE e l’evasione offerta dal mondo dei sogni a occhi aperti. E il risultato è positivo. Stiller-attore si cala nei panni di Walter con naturalezza, camminando impacciato nel quotidiano di Walter-impiegato e disinvolto nel suoi deliri onirici fatti di futuri romantici da trascorrere con la collega Cheryl (Kristen Wiig) e di battaglie immaginarie corpo a corpo con il nuovo manager incaricato di ridimensionare il personale della rivista (Adam Scott).
Ben Stiller in una scenaMa se la recitazione di Stiller-attore è credibile, la prova alla regia convince di meno. La sensazione è che Stiller-regista abbia portato in scena il mondo onirico molto meglio di quanto abbia saputo fare con il mondo reale, e che l’alternarsi delle due dimensioni rallenti il ritmo della pellicola e rovini il racconto del viaggio “impossibile” di Walter tra America, Groenlandia, Islanda e Afghanistan. Effetto forse di scelte grafiche che si esprimono al meglio quando a essere narrati sono i sogni a occhi aperti di Walter, o la sua transizione da realtà a immaginazione, ma che stonano quando la macchina da presa compie il percorso opposto, ritornando dal mondo dei sogni – e dei viaggi – alla realtà, macchiando la bella fotografia (di Stuart Dryburgh) del giro di Walter attorno al mondo.

Ben StillerIl risultato è un puzzle scombinato, farcito di rifacimenti cinematografici e letterari (dal racconto di Thurber al richiamo a Benjamin Button), di gag più o meno riuscite (alle volte goffi i dialoghi tra Walter e Cheryl), e di voli pindarici che esaltano e ridicolizzano al tempo stesso il mondo degli effetti speciali. Poco importa se il senso di confusione che ne risulta potrebbe essere inteso come una scelta consapevole, se i legami evanescenti tra un tassello e l’altro della vita segreta di Walter potrebbero richiamare alla dimensione propria del sogno. Dopo quasi due ore di pellicola, l’effetto è quello di trovarsi di fronte una storia le cui potenzialità sono sfruttate solo a metà, una storia interpretata molto meglio da Stiller-attore che da Stiller-regista.


La locandinaTitolo: I sogni segreti di Walter Mitty (The Secret Life of Walter Mitty)
Regia: Ben Stiller
Sceneggiatura: Steven Conrad
Fotografia: Stuart Dryburgh
Interpreti: Ben Stiller, Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Adam Scott, Kathryn Hahn, Patton Oswalt, Adrian Martinez, Ólafur Darri Ólafsson, Sean Penn, Jonathan C. Daly, Terence Bernie Hines, Paul Fitzgerald, Grace Rex
Nazionalità: USA, 2013
Durata: 1h. 54′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Recensione che, secondo me, stà troppo a guardare il “pelo nell’uovo”; se uno è ben disposto a lasciarsi trasportare da magnifici paesaggi, colonna sonora che molto ben sottolinea alcune scene emozionanti e sceneggiatura ideale per sognare allora lo spettatore non potrà che ritenersi soddisfatto.
    Unico neo in alcuni momenti il ritmo registico rallenta ed alcune scene sono un pò troppo tirate per le lunghe.
    Buona prestazione di tutti gli attori.

  2. […] qui sopra (che potete vedere più in grande con un semplice click) sono presi rispettivamente da I sogni segreti di Walter Mitty – girato con il formato Panavision 35mm usato comunemente nel cinema moderno – e […]

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.