Stai leggendo:

"Kriminal" di Umberto Lenzi

14 novembre 2007 Recensioni 0 Commenti
Kriminal

Titanus, 23 Dicembre 1966 – Trattenuto

Kriminal, il genio del male la cui identità resta avvolta nel mistero, è riuscito a rubare la corona d’Inghilterra. Catturato e mandato sulla forca, riesce a fuggire e riprendere a terrorizzare tutta Europa…


Glenn Saxson in una scena di KriminalLa creatura di Max Bunker e Magnus arriva sul grande schermo due anni prima del Diabolik cui si era chiaramente ispirato nella sua versione fumettistica, e lo fa con un film che oggigiorno si tende un po’ a sottovalutare a causa forse dall’aura da artigiano che circonda il nome di Umberto Lenzi a fronte di quella da genio del cinema che è invece associata a Mario Bava. In realtà, però, questo Kriminal è sicuramente un buon prodotto, anche se l’intrattenimento è limitato e i brividi sono quasi del tutto assenti.

Andrea Bosic in KriminalLa regia di Lenzi è piuttosto statica, e non riesce a rendere credibili le scene d’azione. Dal canto suo, la sceneggiatura presenta qualche ingenuità di troppo e sviluppa dei dialoghi eccessivamente arzigogolati (come in realtà era la prosa del Max Bunker dell’epoca). In generale, il film cerca di giocare con sesso e violenza come faceva il fumetto originale, ma la paura della censura è evidente e agli occhi di oggi tutto appare trattenuto. Che un personaggio come Kriminal si faccia scrupoli a sparare alla schiena di un nemico suona come una nota stonata, ma la pericolosità del personaggio riesce comunque a sembrarci autentica.

Glenn Saxson ed Helga Liné in KriminalSe la maschera di Kriminal conserva anche sul grande schermo tutto il suo fascino, sicuramente nel ruolo ci sarebbe voluto qualcuno più carismatico di Glenn Saxon, attore belloccio ma con poco talento. L’impressione, in effetti, è che l’ufficio casting sia stato più attento all’aspetto fisico degli attori che non alle loro capacità interpretative. L’unica eccezione a questo è il convincente Andrea Bosic nel ruolo dell’Ispettore Milton. L’ambientazione internazionale viene comunque ben sfruttata da una trama costruita con attenzione e sottolineata dalle belle musiche di Raymond Full. E alla fine dei conti, la sensazione è quella di aver assistito ad un prodotto sufficiente e nulla più.


La locandina di KriminalTitolo: Kriminal
Regia: Umberto Lenzi
Sceneggiatura: Umberto Lenzi
Fotografia: Angelo Lotti
Interpreti: Glenn Saxson, Andrea Bosic, Helga Liné, Ivano Staccioli, Esmeralda Ruspoli, Dante Posani, Franco Fantasia, Susan Baker, Armando Calvo, Mary Arden, Rossella Bergamonti, Mirella Pamphili, Consalvo Dell’Arti, Fulvio Mingozzi
Nazionalità: Italia – Spagna, 1966
Durata: 1h. 39′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)