Stai leggendo:

"Kyashan - La rinascita" di Kazuaki Kiriya

28 novembre 2005 Recensioni 0 Commenti
Kyashan - La rinascita

T:me Code, 14 Luglio 2006 – Enfatic

In un prossimo futuro, un gene creato in laboratorio e in grado di riprodursi autonomamente dà vita ad una nuova razza di esseri viventi. Uno scienziato usa allora il gene per riportare in vita il figlio recentemente morto e farne il baluardo della razza umana contro questa nuova minaccia…


Una scena di Kyashan - La rinascitaSeppure in ritardo sui contemporanei Immortal Ad Vitam, Sky Captain and the World of Tomorrow e Sin City, usciti da noi nella scorsa stagione, ecco che arriva adesso anche Casshern ad aggiornare il dibattito sui film dominati dalla tecnologia virtuale. L’esordio del 37enne regista Kazuaki Kiriya, che porta al cinema Kyashan (la serie animata ideata nel 1973 da Tatsuo Yoshida), appartiene infatti al filone dei film che vedono gli interpreti muoversi per lo più davanti a fondali colorati, in attesa che la post-produzione si incarichi di farli abbracciare da scenografie costruite al computer. In questo caso la scelta pare basarsi sulla volontà di fornire all’azione uno sfondo la cui magniloquenza pareggi le intenzioni della sceneggiatura.

Una scena di Kyashan - La rinascitaLa carne al fuoco, difatti, non è certo poca: terrorismo e potere, ecologismo e limiti della scienza sono i temi principali che si intrecciano lungo due ore e venti destinate però a rimanere nella memoria più per l’impianto stilistico che per l’impegno narrativo. Il regista viene dall’esperienza dei videoclip, e lo si può intuire: le maestose ed inquietanti architetture anni Trenta, la debordante fotografia spesso giocata sulla monocromia (giallo, blu e grigio, soprattutto) e l’enfasi della colonna sonora senz’altro affascinano lo spettatore (per quanto l’integrazione tra gli attori e gli ambienti non sia perfetta), ma a lungo andare rischiano di lasciarlo stordito. E nel frattempo, lo hanno catturato al punto da sovrastare lo svilupparsi degli eventi narrati, sicché egli rischia di giungere al colpo di scena posto quasi a fine film senza che questo lo scuota più di tanto.

Una scena di Kyashan - La rinascita«Prima che un film, un’esperienza», ha detto qualcuno: se voleva essere un complimento al lato spettacolare dell’opera, ci può stare. Ma è forte la tentazione di riciclare la frase come critica. E molte potrebbero aggiungerne quanti erano bambini negli anni 70 ed ebbero così modo di conoscere la serie televisiva, perché lo script a sei mani (due sono sempre di Kiriya) tradisce in più punti, e nemmeno secondari, le linee del cartone. Lì era il figlio a costringere il padre al trapianto di cervello che lo renderà Kyashan, qui avviene il contrario; al posto del cigno meccanico c’è la malattia della madre; la psicologia di Briking è sacrificata… Indizi che portano a pensare ad una volontaria semplificazione degli elementi narrativi, cui però, come detto, corrispondono scelte tematiche ed ambizioni ben più alte.
Così Kyashan finisce con il ricordare, mi si passi il paragone blasfemo, l’albatross di Baudelaire: tanto maestoso e bello a vedersi quando vola sulle ali delle immagini e della musica (e però vola talmente alto che non riesce a toccare davvero con mano nulla, e lo spettatore patisce la medesima sorte), quanto goffo quando deve camminare, appesantito nelle pause dell’azione da discorsi sproporzionatamente intensi e drammatici. In conclusione il piacere di occhi ed orecchie rimane, accanto però alla sensazione di essere stati testimoni di un’occasione mancata o comunque non sfruttata appieno.


La locandina di Kyashan - La rinascitaTitolo: Kyashan – La rinascita (Casshern)
Regia: Kazuaki Kiriya
Sceneggiatura: Kazuaki Kiriya, Dai Sato, Shotaro Suga
Fotografia: Kazuaki Kiriya
Interpreti: Yusuke Iseya, Kumiko Aso, Akira Terao, Kanako Higuchi, Fumiyo Kohinata, Hiroyuki Miyasako, Jun Kaname, Hidetoshi Nishijima, Mitsuhiro Oikawa, Susumu Terajima, Hideji Otaki, Tatsuya Mihashi, Toshiaki Karasawa
Nazionalità: Giappone, 2004
Durata: 2h. 21′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre