Stai leggendo:

Las hijas de Abril di Michel Franco

22 maggio 2017 Recensioni 0 Commenti
Il manifesto del Festival di Cannes 2017

Inedito in Italia – Isterico

Valeria ha 17 anni, vive insieme a sua sorella Clara ed è al settimo mese di gravidanza. Nonostante il parere contrario della sorella, Clara chiede alla madre lontana di tornare da loro e aiutarle, economicamente e non solo, a gestire quella difficile situazione…


Per la terza volta dopo After Lucia e Cronic, il messicano Michel Franco torna al Festival di Cannes, di nuovo nella sezione Un Certain Regard. E anche Las hijas de Abril, come quelli che lo hanno preceduto nella filmografia del regista messicano, non è un film facile. A partire dal titolo ingannatore – che in realtà dice molto sullo sviluppo della trama, ma lo si capisce solo durante la proiezione – è un film che spiazza lo spettatore più volte, dando l’impressione che in qualunque momento possa succedere davvero qualunque cosa.

La regia distaccata di Franco non anticipa mai le svolte drammatiche che la pellicola sta per prendere e non enfatizza le azioni dei personaggi, finendo così per essere un aspetto primario nella riuscita di questo effetto. Non tutte le sorprese sono però convincenti, perché un paio di momenti lasciano davvero perplessi pur essendo perfettamente logici nel quadro generale del film. Anche in questi pochi momenti, comunque, la pellicola non rischia di farsi risibile grazie all’asciuttezza di scrittura e alla buona prova di Emma Suarez, già protagonista di Julieta. Qui ha un ruolo decisamente diverso rispetto al film di Almodovar, ma non per questo più facile, e se le azioni di Abril non ci fanno allontanare emotivamente dal film, è soprattutto merito suo.

Come già Cronic, anche Las hijas de Abril gira intorno a situazioni sgradevoli e controverse. Franco evita però di prestare il fianco a letture politiche che evidentemente non gli appartengono, lasciando che ogni spettatore si abbandoni alla visione e dia alle azioni dei personaggi i significati e le motivazioni che preferisce. Questo potrebbe portare a pensare che il film sia poco coraggioso, ma in realtà spesso l’affidarsi all’intelletto degli altri è la cosa più coraggiosa che si possa fare.


La locandina di Las hijas de AbrilTitolo: Las hijas de Abril
Regia: Michel Franco
Sceneggiatura: Michel Franco
Fotografia: Yves Cape
Interpreti: Emma Suarez, Ana Valeria Becerril, Enrique Arrizon, Joanna Larequi, Hernan Mendoza, Ivan Cortes
Nazionalità: Messico, 2017
Durata: 1h. 43′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].