Stai leggendo:

“Prossima fermata - L’inferno” di Ryûhei Kitamura

30 maggio 2010 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 30 Maggio 2010: Sciatto
Disponibile in home-video

Un giovane fotografo incontra in metropolitana una modella giapponese che poi scompare misteriosamente nel corso della notte. Si convince che ad averla rapita è un macellaio dall’aria truce, e inizia allora a pedinarlo. La tensione lo fa presto andare fuori di testa…


Tratto dal raconto di Clive Barker Macelleria mobile di mezzanotte – contenuto nel primo “Libro di Sangue”, InfernaliaProssima fermata – L’inferno è una pellicola a basso costo che a conti fatti non ha molto a che fare con lo scritto che l’ha originato. L’azione è stata spostata da New York a Los Angeles per motivi di budget, e il protagonista è stato trasformato da contabile incolore in fotografo in cerca di gloria per renderlo più interessante. Lo sconosciuto sceneggiatore Jeff Buhler si è sostanzialmente inventato tutto l’intreccio, mantenendo solo  l’idea da cui lo scrittore di Liverpool era partito. La sua sceneggiatura è però risaputa e ben poco interessante, e presenta anche un paio di scene davvero mal consigliate (l’amplesso nella tavola calda su tutte, anche se avrebbe voluto essere significativo dello stato d’animo del protagonista).

Checché ne dica lo stesso Clive Barker – soddisfatto del film ma non della distribuzione – è proprio la “mitologia” dietro la storia ad essere andata completamente persa in questa brutta riscrittura cinematografica. L’aspetto sovrannaturale, giustificato dal tema portante dell’antologia in cui il racconto era contenuto, appare qui posticcio e poco credibile, e tutta la parte finale del film non si può definire in modo diverso da “orribile”.

Il giapponese Kitamura cerca la regia d’effetto, ma abusa di ralenti, accelerazioni e filtri colorati. Ha la bella intuizione delle soggettive delle vittime ma non riesce in nessun momento a creare suspense. Certo le sequenze ultra-splatter tipiche del primo Barker divertiranno gli appassionati nonostante gli effetti speciali ridicoli, ma non bastano a salvare un film che non offre nulla di nuovo in un panorama horror che negli ultimi anni ha regalato ben poche perle.


Titolo: Prossima fermata – L’inferno (The Midnight Meat Train)
Regia: Ryûhei Kitamura
Sceneggiatura: Jeff Buhler
Fotografia: Jonathan Sela
Interpreti: Bradley Cooper, Leslie Bibb, Vinnie Jones, Brooke Shields, Roger Bart, Tony Curran, Barbara Eve Harris, Peter Jacobson, Stephanie Mace, Ted Raimi, NorA, Quinton “Rampage” Jackson, Dan Callahan, Don Smith, Earl Carroll
Nazionalità: USA, 2008
Durata: 1h. 43′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)