Stai leggendo:

Soundtrack: "Latin Lover" di Andrea Farri

6 luglio 2015 Soundtrack 0 Commenti
Latin Lover

Massimo Privitera, in collaborazione con Colonne Sonore* * *

Così come il film di Cristina Comencini è ricco di omaggi e citazioni per il cinema che fu, così la partitura di Andrea Farri è contrassegnata da citazioni musicali e sonorità tipiche delle vecchie commedie italiane e hollywoodiane, ed è racchiusa tra le cover di due vecchi brani nostrani…


Nel 2011 il compositore Andrea Farri aveva scritto la colonna sonora di Quando la notte per la regista Cristina Comencini. Oggi torna a collaborare con lei per Latin Lover, commedia corale con un grande cast al femminile (Virna Lisi nella sua ultima interpretazione, Marisa Paredes, Angela Finocchiaro, Valeria Bruni Tedeschi, Candela Peña) intrisa di amore per il cinema che fu e di omaggi a registi come Almodóvar e Bergman e attori come Gassman, Mastroianni e Volonté. Farri, con all’attivo una trentina di colonne sonore tra cinema e Tv dal 2008 a oggi (la serie Squadra Antimafia, Gli sfiorati, Smetto quando voglio…), sceglie anche lui la via della citazione musicale, cospargendo la partitura di sonorità tanghesche e da commedia cine-musicale old style italica e americana, con tocchi qui e la moderni.

“Latin Lover” è un tango grottesco alla Gotan Project, con citazione interna della celeberrima, appena accennata e mai sviluppata appieno, canzone “Brazil” scritta nel 1939 da Ary Barroso, in cui si fa strada il tema portante derisorio. “Figlie” parte con un volteggiare degli archi e dei fiati, con guizzi del clarinetto in solitaria, che delineano un Leitmotiv delicatissimo e leggero, che sembra provenire da commedie hollywoodiane anni 80, mentre “Saverio Crispo” è tema tronfio per archi, chitarra acustica, fiati e ottoni in un susseguirsi di contrappuntistici e ondivaghi rimbalzi degli strumenti che sottolineano alla perfezione il personaggio del divo affascinante, altezzoso e sciupafemmine. “Donne” presenta un tema puntillinistico e soave, arioso nel suo procedere in levare degli archi e dei fiati, mostrando tutta la fragilità e bellezza del mondo femminile del film. “Padre” per piano solo su archi ondeggianti, tratteggia tutta la romantica tenerezza di un genitore per lo più assente (o presente a suo modo…) che desidera redenzione e amore da chi ha veramente amato; un tema bellissimo e nostalgico da sciogliere il cuore.

Le due canzoni cover del film sono la nota “Quando Quando Quando” di Tony Renis e Alberto Testa in versione samba per la voce mordace e leggiadra in lingua italiana di Nadéah Miranda, giovane cantautrice australiana cofondatrice della band loveGods e cantante di molti gruppi francesi come Nouvelle Vague, B per Bang e S., e “Tornerai” (Olivieri/Rastelli) sempre con performance di Miranda e l’aggiunta dell’autoironico Scianna in una versione d’antan da avanspettacolo molto bella.


La copertina del CDTitolo: Latin Lover

Compositore: Andrea Farri

Etichetta: Carosello Records/Edizioni Curci, 2015

Numero dei brani: 7 (5 di commento + 2 canzoni)

Durata: 15′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.