Stai leggendo:

The Predator di Shane Black

21 ottobre 2018 Recensioni 2 Commenti
The Predator

20h Century Fox, 11 Ottobre 2018 – Sfacciato

Il cecchino Quinn McKenna si imbatte in un alieno precipitato sulla Terra e si impadronisce di alcune parti della sua armatura. Se l’alieno si mette sulle tracce di quanto sottratto da Quinn, i militari si mettono sulle tracce dell’alieno. E non solo loro…


Dopo aver recitato nell’originale del 1987 e aver accumulato alcune esperienze di successo come regista e sceneggiatore, Shane Black confeziona un seguito dei primi due film della serie, scegliendo di mantenere il medesimo schema narrativo, ma cambia decisamente i toni. Anche in questo The Predator abbiamo, quindi, una squadra di militari a fare da vittime all’arcinoto cacciatore intergalattico, in ambienti urbani e nella familiare foresta. Ma stavolta la suddetta squadra è composta da gente in rotta verso il manicomio, e tanto basta per descrivere la cifra di tutta la sceneggiatura.

Fortuna vuole che il manipolo di protagonisti sia scritto con la cura sufficiente per renderli riconoscibili e minimamente interessanti, soprattutto quando sono le battute a farla da padrone. Non i classici momenti da comic relief dei film d’azione di trent’anni fa, ma vere e proprie scene dedicate quasi esclusivamente alla commedia. Se questo potrà scontentare l’appassionato della serie, in realtà i protagonisti che fanno gli imbecilli sono la cosa che funziona meglio di The Predator. Insieme, ovviamente, alla prevedibile pioggia di piccole citazioni che ormai caratterizza qualsiasi produzione derivativa.

Peccato, però, che l’insieme debba sfruttare un inizio davvero poco convincente nel suo essere davvero pretestuoso e un ultimo atto dove l’azione a tutti i costi prende il sopravvento su tutto il resto. Azione che può vantare un comparto di effetti speciali all’altezza, ma che è indebolita dalla sua durata eccessiva e da una regia a tratti confusa. Rimane nel complesso un film godibile e al passo con i tempi, ma gli manca qualcosa per entrare nel mito insieme con i primi della serie.


La locandinaTitolo: The Predator (Id.)
Regia: Shane Black
Sceneggiatura: Fred Dekker, Shane Black
Fotografia: Larry Fong
Interpreti: Boyd Holbrook, Trevante Rhodes, Jacob Tremblay, Keegan-Michael Key, Olivia Munn, Sterling K. Brown, Thomas Jane, Alfie Allen, Augusto Aguilera, Jake Busey, Yvonne Strahovski, Brian Prince, Mike Dopud, Niall Matter, Javier Lacroix
Nazionalità: USA – Canada, 2018
Durata: 1h. 47′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Plissken ha detto:

    Ah che questo “The Predator” possa scontentare gli appassionati della serie non c’è dubbio…
    Il bello è che avevo letto da qualche parte che Black voleva recuperare lo spirito originario del film capostipite, ma evidentemente l’autore dello scritto aveva abbondato un po’ troppo con la dose serale di Jack Daniels.

    Francamente, rivolgendomi agli appassionati della serie, mi permetto un velato monito… STATENE ALLA LARGA.
    Un film che ho trovato francamente insulso, con scienziate/modelle che imbracciano fucili come nulla fosse prodigandosi in improbabilissimi inseguimenti, protagonisti che rasentano l’idiozia ed al cui confronto i “Mercenari” sono dei geni (dico sul serio), problematiche familiari da soap opera e chi più ne ha più ne metta.

    Mc Tiernan sì che la sapeva lunga… per questo aveva fatto morire Shane Black per primo. E aveva fatto bene.

  2. celaront ha detto:

    Forse a questo punto sarebbe meglio concentrarsi solo sulle “scienziate/modelle”; ci si potrebbe aprire un nuovo genere forse.

    Grazie per la recensione.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].