Stai leggendo:

"Ultimo stadio" di Alan Clarke

6 novembre 2005 Recensioni 1 Commento
Ultimo stadio

Film-Tv – Duro

Il capo della frangia più esagitata dei tifosi del West Ham prova a mettere in piedi un gruppo di hooligan che seguano la nazionale inglese agli Europei di Germania del 1988. Ma convincere le bande rivali a fidarsi di lui non è facile, e l’unico modo per riuscirci sembra essere quello di pestarli a sangue…


Una scena di Ultimo stadioTerra di vandali calcistici per eccellenza, l’Inghilterra non ha mai avuto una banda di hooligan che seguisse la Nazionale, perché le firm sono nate per dimostrare la superiorità di un quartiere o di una città sui quartieri avversari. La Nazionale di calcio inglese si è sempre portata dietro gli hooligan, vero, ma si è sempre trattato di piccole bande che agivano separatamente, perché era impossibile convincere due firm rivali a smettere di farsi la guerra anche solo per un mese o poco più. The Firm racconta proprio il tentativo (fittizio) di creare un’unica banda di hooligan in un momento in cui il calcio inglese era bandito dalle competizioni UEFA dopo la tragedia dell’Heysel.

Gary Oldman in Ultimo stadioFin dalla bella sequenza iniziale – con il protagonista che “gioca” a pallone intervallato con sequenze di atti vandalici e “That’s amore” in sottofondo – Alan Clarke ci fa capire quanto schizofrenico sia il mondo degli hooligan. La pellicola è una derivazione di finzione del documentario di Ian Stuttard Hooligan, che rappresenta a tutt’oggi l’unico documento veritiero sugli hooligan e sulla loro mentalità. Partendo idealmente da quel lavoro, Clarke ci mostra un gruppo di hooligan ben inseriti socialmente (il protagonista è un agente immobiliare) e con un’organizzazione interna ben definita. Per ragioni legali, nel corso del film non sono mai citate le squadre per le quali i personaggi fanno il tifo, ma uno sguardo al muro della camera del protagonista è più che sufficiente per far capire che la sua squadra è il West Ham. E d’altra parte, la banda di hooligan qui rappresentata si chiama Inter City Crew quando quella del West Ham che Stuttard seguì per il suo documentario si chiamava Inter City Firm…

Una scena di Ultimo stadioAttivo inizialmente in teatro e quindi soprattutto in televisione, Alan Clarke ha sempre dimostrato un grande interesse per le tematiche sociali e soprattutto una forte solidarietà per le comunità regolarmente vittime di ingiustizie da parte delle istituzioni. La violenza del maschio britannico è stato uno degli argomenti che ha saputo trattare al meglio e The Firm, il suo ultimo lavoro, è il perfetto riassunto di quanto da lui espresso nei suoi film precedenti. Pur venendo da un quartiere ultra-popolare, i membri della ICC non sono violenti perché cercano un riscatto sociale ma perché amano la violenza, e Clarke non dimentica di sottolineare quanto il regime di Margaret Thatcher li abbia involontariamente incoraggiati. E come sempre, il regista di Birkenhead non abusa di artifici tecnici per non rischiare di spettacolarizzare quello che vuole essere un racconto realistico e senza speranza.

Gary Oldman in una scena di Ultimo stadioBravissimo Gary Oldman in un ruolo che probabilmente gli è tornato in mente otto anni dopo, al momento di interpretare il poliziotto psicotico in Leon. Peccato che gli attori di contorno siano del tutto anonimi, ma in fondo da un film per la televisione non si può pretendere troppo. Clarke e lo sceneggiatore Al Hunter Ahston costruiscono una banda di hooligan estremamente realistica e violenta, ma poi le scene di lotta sono frenetiche e poco convincenti e il finale appare affrettato e tutto sommato banale. Il film non ne risente, comunque, anche se per il tema che affronta risulta pienamente comprensibile solo a chi già conosce il mondo degli hooligan.


La fascetta del DVD inglese di Ultimo stadioTitolo: Ultimo Stadio (The Firm)
Regia: Alan Clarke
Sceneggiatura: Al Hunter Ashton
Fotografia: Ben Philpott, Richard Philpott, John Ward
Interpreti: Gary Oldman, Lesley Manville, Philip Davis, Andrew Wilde, Charles Lawson, William Vanderpuye, Jay Simpson, Patrick Murray, Robbie Gee, Terry Sue Patt, Nick Dunning, Nicholas Hewetson, Steve McFadden, Steve Sweeney
Nazionalità: Regno Unito, 1988
Durata: 1h. 10′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. […] The Firm (1989 by Alan Clarke) Molto più ben fatta la versione del 2009. […]

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.