Stai leggendo:

David di Donatello 2011: i premi

4 maggio 2011 News 2 Commenti
6 Maggio 2011

Ecco l’elenco dei vincitori dei David di Donatello 2011, scelti dai 1.684 componenti la Giuria dell’Accademia e comunicate da Gian Luigi Rondi, Presidente dell’Accademia, e consegnati in una cerimonia tenutasi la sera del 6 maggio 2011 presso l’Auditorium della Conciliazione….


Miglior film italiano: Noi credevamo di di Mario Martone.
Nomination: Basilicata Coast to Coast di Rocco Papaleo, Benvenuti al sud di Luca Miniero, La nostra vita di Daniele Luchetti, Una vita tranquilla di Claudio Cupellini.

Miglior regista: Daniele Luchetti per La nostra vita.
Nomination: Marco Bellocchio per Sorelle mai, Saverio Costanzo per La solitudine dei numeri primi, Claudio Cupellini per Una vita tranquilla, Michelangelo Frammartino per Le quattro volte, Paolo Genovese per Immaturi, Mario Martone per Noi credevamo, Luca Miniero per Benvenuti al Sud.

Migliore regista esordiente: Rocco Papaleo per Basilicata Coast to Coast.
Nomination: Aureliano Amadei per 20 Sigarette, Massimiliano Bruno per Nessuno mi può giudicare, Edoardo Leo per Diciotto anni dopo, Paola Randi per Into Paradiso.

Miglior sceneggiatura: Mario Martone & Giancarlo De Cataldo per Noi credevamo.
Nomination: Rocco Papaleo & Valter Lupo per Basilicata Coast to Coast; Paolo Genovese per Immaturi; Sandro Petraglia, Stefano Rulli & Daniele Luchetti per La nostra vita; Filippo Gravno, Guido Iuculano e Claudio Cupellini per Una vita tranquilla.

Miglior produttore: Tilde Corsi, Gianni Romoli e Claudio Bonivento per 20 Sigarette.
Nomination: Isabella Cocuzza, Arturo Paglia, Mark Lombardo ed Elisabetta Olmi per Basilicata Coast to Coast; Medusa in collaborazione con Cattleya per Benvenuti al Sud; Angelo Barbagallo per Gianni e le donne; Carlo Degli Esposti, Conchita Airoldi e Giorgio Magliulo per Noi credevamo;  Gregorio Paonessa, Marta Donzelli, Susanne Marian, Philippe Bober, Gabriella Manfrè, Elda Guidinetti e Andres Pfaeffli per Le quattro volte.

Miglior attrice protagonista: Paola Cortellesi in Nessuno mi può giudicare.
Nomination: Sarah Felberbaum in Il gioiellino, Angela Finocchiaro in Benvenuti al Sud, Isabella Ragonese in La nostra vita, Alba Rohrwacher in La solitudine dei numeri primi.

Miglior attore protagonista: Elio Germano in La nostra vita.
Nomination: Antonio Albanese in Qualunquemente, Claudio Bisio in Benvenuti al Sud, Vinicio Marchioni in 20 Sigarette, Kim Rossi Stuart in Vallanzasca – Gli angeli del male.

Migliore attrice non protagonista: Valentina Lodovini in Benvenuti al Sud.
Nomination: Barbora Bobulova in La bellezza del somaro, Valeria De Franciscis Bendoni in Gianni e le donne, Anna Foglietta in Nessuno mi può giudicare, Claudia Potenza in Basilicata Coast to Coast.

Migliore attore non protagonista: Giuseppe Battiston in La passione, Raoul Bova in La nostra vita, Francesco Di Leva in Una vita tranquilla, Rocco Papaleo in Nessuno mi può giudicare, Alessandro Siani in Benvenuti al Sud.

Miglior fotografia: Renato Berta per Noi credevamo.
Nomination: Vittorio Omodei Zorini per 20 Sigarette, Luca Bigazzi per Il gioiellino, Fabio Cianchetti per La solitudine dei numeri primi, Arnaldo Catinari per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Miglior musicista: Rita Marcotulli e Rocco Papaleo per Basilicata Coast to Coast.
Nomination: Umberto Scipione per Benvenuti al Sud; Teho Teardo per Il gioiellino; Fausto Mesolella per Into Paradiso; Hubert Westkemper per Noi credevamo.

Migliore canzone originale: “Mentre dormi” da Basilicata Coast to Coast.
Nomination: “L’amore non ha religione” da Che bella giornata, “Immaturi” da Immaturi, “Capocotta Dreamin'” da Nessuno mi può giudicare, “Qualunquemente” da Qualunquemente.

Miglior scenografo: Emita Frigato per Noi credevamo.
Nomination: Francesco Frigeri per Amici miei – Come tutto ebbe inizio, Paola Comencini per Benvenuti al Sud, Paki Meduri per Into Paradiso, Tonino Zera per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Miglior costumista: Ursula Patzak per Noi credevamo.
Nomination: Alfonsina Lettieri per Amici miei – Come tutto ebbe inizio, Nanà Cecchi per Christine Cristina, Francesca Sartori per La passione, Roberto Chiocchi per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Migliore truccatore: Vittorio Sodano per Noi credevamo.
Nomination: Vincenzo Mastrantonio per Amici miei – Come tutto ebbe inizio, Lorella De rossi per Gorbaciof, Gianfranco Mecacci per La passione, Francesco Nardi e Matteo Silvi per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Migliore acconciatore: Aldo Signoretti per Noi credevamo.
Nomination: Ferdinando Merolla per Amici miei – Come tutto ebbe inizio, Maurizio Tamagnini per Christine Cristina, Teresa Di Serio per Qualunquemente, Massimo Gattabrusi per La solitudine dei numeri primi, Claudia Pallotti e Teresa Di Serio per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Migliore montatore: Alessio Doglione per 20 sigarette.
Nomination: Jacopo Quadri per Noi credevamo, Mirco Garrone per La nostra vita, Francesca Calvelli per Sorelle mai, Consuelo Catucci per Vallanzasca – Gli angeli del male.

Migliore fonico di presa diretta: Bruno Pupparo per La nostra vita.
Nomination: Mario Iaquone per 20 sigarette, Francesco Liotard per Basilicata Coast to Coast, Gaetano Carito e Maricetta Lombardo per Noi credevamo, Paolo Benvenuti e Simone Paolo Oliviero per Le quattro volte

Migliori effetti speciali visivi: Rebel Alliance per 20 sigarette.
Nomination: Canecane per Amici miei – Come tutto ebbe inizio; Reset VFX per Christine Cristina; Paola Trisoglio, Stefano Marinoni, Paola Randi e Daniele Stirpe Jost per Into Paradiso; Gianmario Catania e Corrado Virgili per Winxclub 3D – Magica avventura.

Miglior film dell’Unione Europea: Il Discorso del Re di di Tom Hooper (Eagle Pictures).
Nomination: Another Year di di Mike Leigh (Bim), In un mondo migliore di Susanne Bier (Teodora Film), Il segreto dei suoi occhi di Juan José Campanella (Lucky Red), Uomini di Dio di Xavier Beauvois (Lucky Red).

Miglior film straniero: Hereafter di Clint Eastwood (Warner Bros).
Nomination: Il Cigno Nero di Darren Aronofsky (20th Century Fox), La donna che canta di di Denis Villeneuve (Lucky Red), Inception di Christopher Nolan (Warner Bros), The Social Network di David Fincher  (Sony Pictures).

Miglior documentario di lungometraggio: E’ stato morto un ragazzo – Federico Aldrovandi che una notte incontrò la polizia di Filippo Vendemmiati.
Nomination: Ritratto di mio padre di Maria Sole Tognazzi, This Is My Land… Hebron di Giulia Amati e Stephen Natanson, L’ultimo gattopardo – Ritratto di Goffredo Lombardo di Giuseppe Tornatore, Ward 54 di Monica Maggioni.

Miglior cortometraggio: Jodi delle giostre di Adriano Sforzi.
Nomination: Caffé capo di Andrea Zaccariello, Io sono qui di Mario Piredda, Salvatore di Bruno & Fabrizio Urso, Stand By Me di Giuseppe Marco Albano.

David Giovani: 20 Sigarette di Aureliano Amadei.
Nomination: Benvenuti al sud di Luca Miniero, Noi credevamo di Mario Martone, Un altro mondo di Silvio Muccino, Vallanzasca – Gli angeli del male di Michele Placido.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. lino scrive:

    non sono d’accordo con la nomination del film Benvenuti al sud, visto che non è un’opera originale, avrei visto bene tra le candidature L’uomo fiammifero.

  2. Alberto Cassani scrive:

    In Italia non facciamo differenza tra opere originali e derivate, tant’è che anche la categoria della sceneggiatura è unica e non divisa in due come agli Oscar. Ad ogni modo “L’uomo fiammifero” aveva ricevuto due nomination l’anno scorso (regista esordiente ed effetti speciali), quindi ovviamente non era in gara per quest’anno…

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.